Magazine Cultura

Aldo tagliapietra-"invisibili realtà"

Creato il 28 dicembre 2017 da Athos Enrile @AthosEnrile1

ALDO TAGLIAPIETRA-


ALDO TAGLIAPIETRA-"INVISIBILI REALTÀ"

Sono passati quattro anni dall'uscita di " L'angelo rinchiuso" e Aldo Tagliapietra ritorna dal suo pubblico con una nuova chicca, "Invisibili Realtà ".

E' un tempo lungo quello che intercorre tra i due lavori ma è lo stesso Tagliapietra che, nella bella intervista a seguire, racconta il motivo di tale gap, entrando nei dettagli di un disco che non può lasciare indifferenti.

Leviamoci dalla mente ogni tipo di etichetta e di incasellamento, e prendiamoci con piena soddisfazione l'uomo attuale, un "cantautore" che ha la fortuna di essere affiancato da musicisti molto più giovani di lui - talentuosi e umili - con cui si sente in piena sintonia, artisti a cui cede sapienza musicale e da cui riceve energia e stimoli nuovi, un perfetto esempio di osmosi musicale.

Aldo Tagliapietra è da molto tempo alla ricerca - e al consolidamento - di elementi spirituali, percorso fatto di studi e viaggi, sentiero che più passano gli anni e più si cementifica, palesandosi nella sua musica, brano dopo brano.

Le sue liriche, le sue ballate, le atmosfere create, profumano di trascendenza e di pace, e dopo attento ascolto si ha la sensazione che quelle "realtà invisibili ai più", per lui non abbiano ormai alcun segreto, e la piena maturità abbia in questo senso qualcosa di invidiabile.

Sono nove i brani che compongono il disco, una storia che ripercorre tutta una vita, ponendo l'accento sui veri bisogni dell'uomo rapportati alle esperienze personali, una sorta di confronto che prosegue su binari paralleli che non divergono mai.

La musica e le parole ci aiutano a " perdonare ciò che va perdonato, dimenticando quello che va dimenticato, ricominciando sotto un nuovo sole, abbandonando al vento gioia e dolore..." (da " Musica e Parole").

L'album appare come una sorta di sintesi personale, e accanto alle ballad non poteva quindi mancare l'accenno prog, quel " Siamo nel cielo " che nella seconda parte riporta al mood tipico di Hammill e soci, ovvero amici antichi.

E ancora... la ricerca delle radici (" Radici"), il bisogno di verità (" La porta"), le riflessioni sul susseguirsi delle stagioni (" E' la vita), l'attesa della pace e della tranquillità (" Il sole del mattino"), il pensiero dell'amore (" Il bisogno di te"), la speranza che l'uomo possa essere il protagonista del cambiamento (" Come onde"). A conclusione un brano strumentale, una triste melodia sui cui ogni ascoltatore potrà ricamare il proprio pensiero, dopo il condizionamento positivo delle prime otto tracce: è la title track, " Invisibili realtà ", carica di significati nonostante l'assenza di liriche, a patto che si sia dotati di un po' di sensibilità.

Un disco che colpisce per la sua forza d'urto, nonostante sia a tatti sussurrato; un lavoro che presenta il volto di Aldo Tagliapietra evolutosi nel tempo, un'immagine che appare oggi rassicurante e a tratti contagiosa nella sua positività.

Chi ha da poco ascoltato la Aldo Tagliapietra Band - e quindi la proposizione live di " Invisibili Realtà " - ne è rimasto entusiasta, e il mix di esperienze artistiche appare uno dei cardini del nuovo corso.

Un consiglio per chi nonavesse ancora ascoltato l'album: nessuna ricerca assoluta del passato, nessuna comparazione... i pregi del disco sono molteplici, dall'unicità della proposta alla pregevole musicalità, passando per i testi illuminati - e illuminanti - arrivando ad una funzione quasi didattica.

Io mi emoziono ad ogni ascolto... e qualcosa vorrà pur dire!

ALDO TAGLIAPIETRA-


Tu sai che sono un appassionato di pensieri orientali e in particolare induisti, cinesi ecc., che affermano che noi viviamo in una realtà "maya", ossia nell'illusione. Quindi tutta la nostra vita umana sulla terra non sarebbe altro che un'illusione e le realtà vere, quelle eterne, sono ben altre. Queste realtà ci avvolgono in qualche modo. Se noi ci sforziamo di uscire per un attimo dalla nostra visione materiale, provando a percorrere un sentiero invisibile e impalpabile, le cose cambiano. Secondo me il musicista attraverso la sua arte può perlustrare altre dimensioni, quella spirituale in primis. Queste filosofie dicono anche che la musica è il mezzo per andare a cercare - e a trovare - l'ispirazione, come tutte le arti d'altronde, perchè hanno il potere di acuire la nostra sensibilità, che sarebbe la fantasia. George Harrison diceva che la canzoni non le scriveva lui, ma percorrendo questa dimensione così magica le trovava scritte, un po' come quando chiesero a Michelangelo come facesse a fare le sue statue bellissime e lui disse che era facilissimo, bastava togliere il marmo intorno. Sto parlando di interiorità, di tutto ciò che può essere vissuto da dentro e poi esteriorizzato, ed è questa una condizione a cui si pensa soprattutto quando si raggiunge una certa età.

Assolutamente sì, ho voluto fosse proprio così. Anche per ciò che ti dicevo prima, si arriva ad un punto della vita che si sente il bisogno di ritrovare l'anima che si aveva da bambino, ecco perché i nonni e i nipotini sono sempre in simbiosi, proprio perché l'anziano ad un certo punto ricerca la gioventù dell'anima quando il corpo è appesantito dagli anni e dai problemi. C'è una canzone, che appunto parla della vita ("E' la vita" N.d.R.), dove dico che serve volontà, desiderio e sogno di ridiventare bambino.

Nonostante questa tua visione del mondo e della musica che è attuale, c'è qualcosa che è molto legato a quello che hai fatto nel passato?

La tua definizione di cantautore si percepisce ascoltando l'album. C'è una canzone sola, "Siamo nel cielo", che nella seconda parte si sviluppa in modo diverso, e a un certo punto sembra quasi di sentire i Van Der Graaf Generator...

Sì, hai ragione, in un certo momento c'è un ritmo molto "Vandergraaf". Si fa presto, si prende un riff atonale e ci si mette un tempo dispari ed ecco che entri in un mondo che è quello che tu hai citato. L'ho voluto fare apposta per dire che ho attraversato anche questo mare. Poi, ripeto, se fai un riff di un certo tipo ottieni un ritmo prog e ho voluto dare questo tocco all'album .

Guardando i crediti ho visto che ti è attribuito oltre, alla voce, il sitar ma non c'è il basso, è una tua scelta precisa?

Quando si fa una canzone sono io che do l'indirizzo dell'arrangiamento, ma loro hanno alle spalle un bagaglio musicale non indifferente per la loro giovane età, una preparazione molto vasta, dalla musica classica al jazz al prog più stretto. Parliamo lo stesso linguaggio, capiscono al volo cosa voglio e quindi esiste questa apertura mentale che per me è molto importante. A tutto questo aggiungi l'energia e l'entusiasmo che derivano dallo stare insieme, dal suonare insieme, dallo stare sul palco insieme suonando la propria musica. Sono stato fortunato! Ci ho messo un pò a trovarli! Matteo Ballarin ad esempio... è entrato proprio all'ultimo momento ai tempi di "Nella pietra e nel vento", ma io già suonavo con tastiera, batteria, basso ecc.; era molto amico e suonava spesso con Andrea De Nardi, quindi quando l'ho conosciuto ho voluto inserire anche lui nell'organico e poi la cosa ha continuato.

Nel brano strumentale finale, che poi da il titolo all'album, ci hanno messo del loro o è tutta roba tua ?

tutta roba mia, è un brano scritto per chitarra acustica. Ho pensato però che nel disco fosse meglio inserire altri tipi di suoni, e poi un pò di arrangiamento loro c'è, ma questa comunque è una delle melodie che avevo nel cassetto e ho voluto inserire il pezzo quasi come segno di chiusura, una trama che lascia anche un po' di nostalgia.

Sì, in questa situazione, con questi ragazzi e soprattutto quando si fanno cose nuove l'entusiasmo c'è sempre. L'unica differenza è che a 20 anni si facevano viaggi lunghissimi, adesso la cosa diventa un po' più faticosa dal punto di vista fisico, ma quando poi sei sul palco, con la gente dalla tua parte è una bella soddisfazione! Questo disco dal vivo viene benissimo, si può dire meglio che in studio. Se la salute ce lo permette noi andiamo avanti...

: Aldo Tagliapietra (voce e sitar), Andrea De Nardi (pianoforte, organo Hammond, Minimoog), Matteo Ballarin (chitarre e programming), Andrea Ghion (basso), Manuel Smaniotto (batteria e percussioni). Con la partecipazione di Mauro Martello (duduk) nel brano n°5 "Radici".

: 1- Musica e parole; 2- La porta; 3- Siamo del cielo; 4- E' la vita; 5- Radici; 6- Il sole del mattino; 7- Il bisogno di te; 8- Come onde; 9- Invisibili realtà;

Aldo Tagliapietra è autore di musiche e testi e produttore insieme a Clamore.

Formato disponibile : CD in jawelbox con booklet di 12 pagg; LP album + CD + poster (300x600 mm.) all'interno; LP album Limited edition White; digitale.

ALDO TAGLIAPIETRA-


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :