Magazine Cultura

Alessandro Pagani-“500 CHICCHE DI RISO”

Creato il 05 luglio 2019 da Athos Enrile @AthosEnrile1

Alessandro Pagani-“500 CHICCHE DI RISO”

Alessandro Pagani-"500 CHICCHE DI RISO"

Un paio di anni fa MAT2020 si occupò degli Stolen Apple e del loro album di debutto, "Trenches ".

Di quella band fa parte Alessandro Pagani (voce, batteria, piano e percussioni), di cui parlo oggi, ma in veste di scrittore.

Alessandro non è nuovo a divagazioni in campo letterario, e giunge oggi alla quarta pubblicazione, dal titolo "500 CHICCHE DI RISO ", editore Rue De La Fontaine.

La sinossi fornita dall'autore chiarisce le idee sul contenuto:

" Cinquecento chicche che esplorano, tramite giochi di parole, fatti, personaggi e situazioni per descrivere (con velata amenità) circostanze paradossali, inspiegabili coincidenze, incongruenze non previste e i comportamenti più comici e grotteschi del nostro modo di vivere."

Le 500 chicche proposte da Pagani (a cui si aggiunge un TG SPAZIALE finale) sono essenzialmente frasi, dialoghi, citazioni e aforismi che utilizzano una comunicazione precaria per farci sorridere, almeno apparentemente, perché se si scava e si scende in profondità il sorriso può sfociare in una decisa amarezza.

La corretta comunicazione nasce sempre da un buon ascolto, e non è un caso che il buon Dio abbia fornito l'essere umano di ben due orecchie ma di una sola bocca... un suggerimento, una indicazione precisa... " prima ascolta e poi parla... se necessario!".

Sfido chiunque a riempire in toto le dita di una mano alla mia richiesta: "... quante persone hai conosciuto nella vita che ti hanno saputo realmente ascoltare?", laddove per ascolto intendo l'aver davanti un interlocutore che non interrompe chi ha di fronte, che non si distrae, che guarda negli occhi chi conduce il gioco, e che alla fine pone persino una domanda intelligente, o contesta, segno in ogni caso di presenza attiva. E' un dramma!

Ma quando uno ha le antenne dritte, pronto a captare le parole che volano libere nell'aria, l'atteggiamento vigile gli consentirà di afferrare al volo magnificenze e bestialità, e sarà lo stato d'animo del momento a decretare cosa sia sopportabile o deprecabile.

Alessandro Pagani, ne sono certo, sa ascoltare, e ciò che propone nel suo nuovo lavoro è un resoconto di ilarità e comicità conscia e inconscia, quella che, magari nata per caso, crea tormentoni che, col passare del tempo, si trasformano in linguaggio comune.

Nei momenti di vita quotidiana accade spesso di sentire da altri, o di esser protagonisti, di esilaranti distorsioni della lingua italiana, e se in una concitata esposizione una persona di normale cultura e oltre, usa ad esempio il termine "circonciso" in luogo di "conciso", la gaffe non è da attribuire ad una scarsa conoscenza idiomatica, ma piuttosto all'abitudine di utilizzare gag di personaggi pubblici, frasi che col tempo diventano usuali tra amici, e a volte ci si dimentica quale sia il contesto in cui va evitato il rischio di un banale errore.

Leggendo " 500 CHICCHE DI RISO " ho preso appunti, evidenziando in giallo frasi da estrapolare, da imparare a memoria, e utilizzare al momento opportuno, per rientrare anche io a pieno titolo in coloro che sguazzano nei luoghi comuni: niente di sbagliato, basta spersi gestire!

La mia scelta, ne sono convinto, è opinabile, e qualsiasi altro lettore compilerebbe la lista in altro modo, perché la sensibilità di ognuno di noi è diversa, così come la tendenza a rilasciare un sorriso all'interno della vasta gamma delle modalità di approccio, che va dal timido allo sguaiato.

Ne segnalo alcune a seguire, non troppe per non rovinare la sorpresa...

"Hanno preso mio cugino alle Poste ad attaccare francobolli."

"Che fortuna di questi tempi... come ha fatto?"

"Consegno calendari sulle isole."

"Mi spieghi perché non ti sei messo l'abito da sera?"

"Perché c'era scritto no smoking."

"Buongiorno dottore, io e mia moglie siamo venuti a separarci."

"Ma io sono medico, non avvocato!"

Si toglie le scarpe, ne prova una ed esce dal negozio: denunciato a piede libero.

"C'era parecchia gente al funerale?"

-------------------------

"Quelle abitazioni sul mare devono sparire!"

"Non si preoccupi, sono palafittizie."

-----------------------------------

Accusato di coltivare marijuana, si giustifica così:

"Si sono inventati tutto di sana pianta".

----------------------------------------

"Sulla geografia so tutto, non c'è storia."

Mi fermo qui, prima che l'autore si arrabbi!

Alessandro Pagani-“500 CHICCHE DI RISO”

Sono in piena sintonia con Pagani, per anni ho raccolto strafalcioni di colleghi che candidamente rilasciavano perle di saggezza, e da qualche parte dovrei avere ancora il file, anche se certi "modi di dire" sono diventati assiomi immortali che ricordo a memoria; ma sono certo che non siano alla portata di tutti, perché a volte capibili solo conoscendo il contesto in cui sono nati e la sfera personale di chi li proponeva...

Credo infatti che ben pochi capirebbero il significato reale di " fulmine di genio "- interpolazione tra "fulmine di guerra" e "lampo di genio" - diventato un must e capace di caratterizzare una persona ed una situazione specifica.

Il libro è corredato da alcune gustose vignette a completamento di un volume che porta tanta allegria ma, a ben vedere, a una buona dose di riflessione.

Apri una pagina di questo libro... leggi una chicca... ripeti l'operazione per altre 499 volte...

Alessandro Pagani-“500 CHICCHE DI RISO”

Alessandro Pagani, nato a Firenze nel 1964, è scrittore e musicista. Durante gli anni '80 ha fatto parte del movimento artistico underground fiorentino Pat Pat Recorder, esperienza che lo ha portato sin dal 1988 ad iniziare un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali Stropharia Merdaria, Parce Qu'Il Est Triste, Hypersonics, (con cui ha partecipato ad Arezzo Wave nel 1990), Subterraneans, Malastrana e successivamente con i Valvola, assieme ai quali ha fondato nel 1997 l'etichetta discografica Shado Records, attiva fino al 2007. Attualmente è batterista del gruppo rock Stolen Apple, che ha fatto uscire l'album di debutto "Trenches" a settembre 2016.

Alessandro Pagani-“500 CHICCHE DI RISO”

- Le Domande Improponibili (2015) - libretto autoprodotto

- Perchè non cento? (2016) - Alter Ego/Augh

- Io mi libro (2018) - 96, Rue De La Fontaine

- 500 chicche di riso (2019) - 96, Rue De La Fontaine

Titolo: 500 CHICCHE DI RISO

Autore: Alessandro Pagani

Prefazione di Cristiano MIlitello

Immagine di copertina e illustrazioni di Massimiliano Zatini

Editore: 96, Rue De La Fontaine

Genere: umoristico - ironico - intrattenimento

Anno di pubblicazione: 2019

Pagine totali 116 - Carta copertina patinata opaca 300 grammi - Rilegatura brossura fresata



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog