Magazine Cucina

Amare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a Milano

Da Lilimadeleine

Ogni anno a Milano si tiene l'Académie du Champagne, evento organizzato dal Bureau du Champagne in Italia per conoscere meglio il dietro le quinte di un mondo affascinante, pieno di bollicine e che sta benissimo nei film.

Amare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a Milano

Il programma

L'appuntamento è venerdì 15 novembre dalle 9.30 alle 13 al Principe di Savoia, hotel cinque stelle iscritto nell'elenco dei Locali Storici di Milano.

Il programma prevede tre masterclass (da 45 minuti) , seguite dalla degustazione di 14 cuvée per capire quali sono le scelte fondamentali dello Chef de cave.

In particolare, si parlerà di:

  • Vini di riserva (hanno la funzione di arricchire l'assemblaggio degli Champagne non millesimati e contribuiscono a conferire una coerenza gustativa che rappresenta lo stile dell'elaboratore)
  • Fermentazione malolattica (è una delle scelte strategiche che determina il risultato finale perché riduce l'acidità del vino)
  • Dosage (cioè l'aggiunta di liqueur prima della tappatura della bottiglia)
Amare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a Milano

Le masterclass saranno condotte da Claudia Nicoli e Nicola Roni, Ambasciatori italiani dello Champagne selezionati dal Comité Champagne, e da Benoît Villedey, enologo dei Servizi Tecnici del Comité Champagne.

Iscrizioni e costi

Amare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a Milano

Attenzione, l'Académie du Champagne è a numero chiuso: ci sono 180 posti e per iscriversi occorre registrarsi sul sito.

Il costo è di 129 euro, comprensivo delle tre masterclass e delle degustazioni.

Amare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a MilanoAmare lo Champagne e iscriversi all’Académie du Champagne a Milano

Pensavi a Proust e invece trovi solo i dolcetti a forma di conchiglia. A questo punto puoi scegliere: ti metti a leggere la Recherche oppure un blog che adora il formaggio? Chi sono io? Oriana, giornalista milanese di turismo, food ed eventi


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog