Magazine Viaggi

Amburgo

Creato il 28 marzo 2019 da Alessio Sebastianelli @bastianatte

La sponda settentrionale è invece una popolare meta turistica poiché contraddistinta dalla presenza dei Più che per l'area lungo il fiume però, La musica dal vivo in questo quartiere ha sempre avuto un ruolo particolare, infatti in fondo alla Landungsbrücken, i lunghi pontili che una volta fungevano da attracco per i transatlantici e da cui ora partono invece i battelli della rete di trasporti pubblici cittadini e quelli che effettuano i tour nel porto. Oltre a questi ultimi però, ad attirare i visitatori ci sono i tanti ristoranti, bar e negozi di souvenir che si affacciano sui moli e anche alcune attrazioni di tipo culturale come il bell'edificio del terminal passeggeri, risalente al primo novecento e caratterizzato da torrette e cupole, oppure le due navi-museo Rickmer Rickmers e St. Pauli è famoso per il divertimento e la vita notturna in particolare lungo la Reeperbahn, il viale che taglia longitudinalmente il quartiere, e nelle stradine circostanti. Questa è la zona a luci rosse della città e in effetti si incontrano night club, sexy shop e bordelli ( Reeperbahn parte la stretta e affollata Große Freiheit, dove si affacciano molti locali notturni anche di dubbia moralità, ma lungo la quale è normale sentire il suono delle band in concerto ed è proprio qui che i Beatles mossero i loro primi passi verso la notorietà; in particolare locali come l' Indra Club, lo Star Club e diversi altri mostrano con orgoglio le targhe del passaggio dei fab four e il loro nome è indissolubilmente legato alla storia della musica. Herbertstraße è famosa per le vetrine con le prostitute, occhio però che non è come ad Amsterdam visto che le due estremità della via sono chiuse da pannelli e donne, minori e tour guidati non sono ammessi) ma anche un numero spropositato di bar, pub, ristoranti, fast food e locali notturni "normali" che accolgono un gran numero di persone che escono per una serata tra amici a bere e ballare. Cap San Diego all'ancoraggio fisso.
L'incrocio della via con la principale è stato opportunamente nominato Beatles Platz e ospita delle sculture in acciaio che raffigurano le sagome dei 4 musicisti di Liverpool (qualche metro staccata ce ne è un'altra dedicata a Pete Best, il "quinto beatle"). Curiosa è infine la notorietà della Davidwache , la stazione di polizia sul lato meridionale della Reeperbahn , comparsa in un gran numero di scene di film e serie TV.

Se dalla fine della Proprio le aree verdi rappresentano un importante attributo di
Reeperbahn si svolta invece verso sud per tornare sulla spanda dell' Elba, si raggiunge una delle attrazioni imperdibili di Amburgo, il Fischmarkt.
La domenica mattina questa parte di lungofiume si riempie di bancarelle sia di venditori di pesce che di altri prodotti freschi, vestiti, scarpe e oggetti vari. Il luogo è però anche una delle destinazioni preferite dai nottambuli del sabato sera che vengono qui a smaltire la sbornia con un panino al pesce e quest'attività raggiunge l'apice all'interno della Fischautionshalle , la vecchia sala delle aste, dove potreste ritrovarvi alle 9 di domenica mattina insieme a gente di ogni età e ceto sociale a bere birra e mangiare pesce fritto guardando una band che suona vecchie glorie del rock. Nei pressi c'è anche un sommergibile trasformato in museo. Circa 1 km più a est infine, il tranquillo quartiere residenziale di regala (tempo permettendo) belle vedute sul fiume e sul porto dalla celebrata balconata panoramica e piacevoli passeggiate nel verde ammirando i sontuosi edifici che ospitano il municipio distrettuale, un teatro e un museo.
Amburgo, visto che nell'area metropolitana ve ne sono molte, alcune delle quali davvero notevoli. La più centrale è una fascia che parte alle spalle dei Landungsbrücken e descrive un arco di circonferenza, cambiando nome più volte, che racchiude tutta la città vecchia. All'interno o ai lati di questo nastro verde si trovano diversi siti interessanti come il monumento a Bismarck, il Museo di Storia, la pittoresca Peterstraße con i suoi edifici storici tra i quali spicca la casa natale di Brahms, il Palazzo di Giustizia e l'area tra i due laghi dell' Alster, per poi concludersi nei pressi del museo Hauptbanhof. Kunsthalle e della stazione ferroviaria. La porzione più settentrionale di questa fascia si allarga nei Planten un Blomen , con stagni, padiglioni e giardini botanici anche di tipo etnico, il parco preferito dai turisti. Gli amburghesi invece amano in maniera particolare il vasto , situato circa 3 km a nord della

La Il nome della città richiama chiaramente l'hamburger, cui è indissolubilmente legato dal fatto che questo particolare panino è nato proprio qui, portato dai marinai che ne avevano appreso il concetto in Asia. Due indirizzi caldamente consigliati dove poter quindi gustare gli hamburger originali sono Ancora più multiculturale, stimolante, giovane, vibrante e trendy è l'area tra i quartieri
Scena gastronomica e vita serale della seconda città tedesca sono sicuramente da tenere in considerazione e sono diverse le zone dove godersele appieno.
Reeperbahn è terra di fast food e tavole calde con grill ottime per un pasto veloce a basso costo, ma non mancano birrerie, bar e caffè più di buon livello. Per quello che riguarda il pesce invece un punto di riferimento sono i Landungsbrücken, che oltre ai ristoranti può contare sulla presenza di chioschi che vendono panini con il pesce fritto o i classici con l'aringa cruda in due versioni differenti (con l'aringa chiara oppure con l'aringa olandese, sempre accompagnate da cipolla cruda ed eventualmente cetrioli sottaceto ed entrambe buonissime): il chiosco situato all'ultimo molo è particolarmente famoso e per questo si formano code abbastanza lunga, i panini degli altri chioschi però sono comunque ottimi.
Bucks Burger e Better Burger Company, situati tra l'altro vicini tra loro e poco distanti dalla stazione ferroviaria, dove i panini sono davvero ottimi e i prezzi piacevolmente contenuti rispetto ad altri esercizi. Alle spalle della stazione ferroviaria sorge invece il quartiere di St. Georg, dall'anima alternativa e multietnica e popolato da artisti, persone eccentriche, immigrati e "diversi" nell'accezione più ampia del termine (non a caso è anche il quartiere di riferimento della comunità gay). La bella Hansaplatz e la sua fontana monumentale ne rappresentano il centro e intorno a questa si trovano bar, caffè e locali notturni di vario tipo, da provare sono però i ristoranti etnici, in maggioranza mediorientali ma non solo, che si affacciano sul viale .
Schanzenviertel (detto anche Sternschanze) e Karolinenviertel, la preferita dagli amburghesi per le serate del fine settimana. In questa zona si possono trovare aree verdi come quella a ridosso della fiera dove torreggia l'altissima torre delle telecomunicazioni; centri sociali come il Rote Flora o come quello nell'area del mercato, dove regna la street art e un passaggio porta direttamente nella Marktstraße con le sue boutiques alla moda; architetture suggestive e botteghe artigiane, ma soprattutto un'impressionante varietà di ristoranti e bar che spazia dalle taverne di cucina tradizionale tedesca ai locali etnici che coprono tutto lo spettro delle cucine europee e asiatiche. Del primo tipo fanno parte il grazioso e l' (e i suoi mastodontici ) mentre del secondo vale la pena citare i noodles di Asia Unique . L'imponente numero di attrattive di e la loro varietà riempiono comodamente 4 giorni di visita, contando magari anche un'escursione giornaliera nella vicina e incantevole Lubecca.
(1-5 novembre 2018)



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine