Magazine Società

Analisi serissima sul Pd. Urge una flebo di Maalox

Creato il 14 gennaio 2011 da Massimoconsorti @massimoconsorti
Analisi serissima sul Pd. Urge una flebo di MaaloxCerte volte il Pd ci sembra come una squadra di calcio costruita per vincere il campionato, la champions, la coppa del mondo per club e quella del nonno ma che, arrivata a metà stagione, si ritrova a lottare per non retrocedere. Il Partito Democratico nasce come forza di governo e ne ha tutte le caratteristiche, compresi gli uomini e le donne capaci di farlo. Al contrario delle mezze seghe del Pdl abituate a navigare da sempre nel sottobosco della politica, delle arti e dei mestieri, nel Pd ci sono politici di razza, di spessore, persone preparate e di qualità che, in qualsiasi altro campionato e in qualsiasi altra squadra, occuperebbero sicuramente un posto da titolari (di dicastero). Però, come tutte le squadre costruite per vincere, nel momento in cui si trova a giocare il ruolo dell’out-sider si perde, va in confusione, smarrisce perfino gli schemi più elementari della sua tattica di gioco. E rischia la serie B. Il Pd non è una forza di opposizione, non la sa fare, non ci si trova né ci si raccapezza. L'eclissi che sta vivendo, e nella quale attualmente si specchia, è proprio figlia di questa situazione dalla quale non riesce a venir fuori semplicemente perché non ha l’ossatura per farlo. Non ha le “palle” per combattere fino alla fine una partita che, in fondo, non è mai stata tattica ma fisica. La perdita di personalità e di carattere, che nel Pd è la conseguenza del dover rincorrere la capolista, ha causato una schizofrenia che gli ha fatto perdere il senso di  “squadra” fino a preferire di inseguire la figura del leader-fuoriclasse (che in qualsiasi momento della partita può inventare la mossa risolutiva e mettere la palla in fondo alla rete), piuttosto che giocare l’uno per l’altro. Il Pd non ha un leader, non ha un “fantasista” né tantomeno ha in panchina Mourinho. La sua unica forza dovrebbe essere l’attaccamento ai colori e alla maglia, ma i troppi solisti di cui è composto glielo impedisce perché alla fine ognuno gioca per sé e fanculo la squadra. E la mancanza di leadership, del direttore d’orchestra che faccia suonare a dei bravi solisti lo stesso brano musicale, si trasforma nella ricerca affannosa di uno fuori dal gruppo, l’unico in grado di porre fine alle ripicche, alle piccole invidie, ai personalissimi deliri di onnipotenza di ognuno dei tanti bravi musicisti di cui è composto un partito purtroppo senza identità. Alla fine, il primo che si alza e che pronuncia una frase che apparentemente suona contro Berlusconi, viene immediatamente arruolato (o si cerca di farlo), non tenendo in considerazione né da dove arriva né chi è stato né dove vuole andare. Per cui, ciclicamente, il fascista Fini diventa un punto di riferimento, il doroteo Casini quello che detta l’agenda, il paraculo Marchionne il “manager buono” manco fosse Papa Giovanni, Mario Draghi (l’uomo delle banche e del sistema creditizio) il tecnico per la rinascita e l’”old fashion” Montezemolo alias “belli capelli” una guida onesta e sicura per l’economia. E poi dice che uno si butta a sinistra! In questa rincorsa ormai affannosa nei confronti di chi, e di cosa, non si capisce bene, accade che nel momento in cui la Corte Costituzionale dice a Silvio che è un cittadino come tutti gli altri, impedendogli di autofirmarsi le giustificazioni, il Pd trova la forza di spaccarsi litigando su tutto e facendo venir fuori la repressa acidità di stomaco di Veltroni che litri di Maalox Sciroppo non hanno affatto attenuato. In questi giorni abbiamo ascoltato anche le dichiarazioni fuori di testa di Fassino e di Renzi sulla Fiat e su Marchionne, ma quella che ci ha colpito di più è stata quella resa ieri sera ad Annozero da Sergio Chiamparino. “Il 45 per cento degli operai vota per il centrodestra, e tutto grazie ai massimalisti della sinistra”. Ma tu, Chiamparino, da dove vieni, chi sei e soprattutto dove cazzo stai andando?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un Pd liberistoide

    Non so se ve ne siete accorti, ma qualcuno, stando a quanto accadeva nel Pd, “negli ultimi anni ha considerato la sinistra un succedaneo delle politiche... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Pd, che significa?

    Oggi nella Blogosfera qualcuno, riferendosi ad altri motivi, ha scritto un post dal titolo: PD (la bestemmia, non il partito). Leggendo questo articolo ho... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    SOCIETÀ
  • Povero Pd

    Sicuramente eravamo abituati a leggere, anche sulla stampa estera, parole poco simpatiche (qualcuno dirà a ragione, qualcuno dirà a torto) sul nostro... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il referendum in turchia: analisi e commenti

    referendum turchia: analisi commenti

    La vittoria del 'sì' nel referendum sulla riforma della Costituzione svoltosi il 12 settembre in Turchia (quasi 58% di "sì" contro il 42% di "no", con... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il Pd e l’università

    l’università

    In seguito al mio precedente post su “Confindustria ed università” Marco Meloni, responsabile di Università e Ricerca per la Segreteria Nazionale del Partito... Leggere il seguito

    Da  Sylos
    LAVORO, SOCIETÀ, UNIVERSITÀ
  • Caro, vecchio PD

    Caro, vecchio

    Il PD non si smentisce mai. Se per caso qualcuno nutriva ancora dei dubbi sulla vera natura delle cosiddette “primarie”, quello che è successo oggi a Milano... Leggere il seguito

    Da  Femminileplurale
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Analisi pubblicitarie

    La Belen ha abbassato il trenddella Tim e qualcuno se ne offendtanto che per risollevare il brandun art director pensava: «Marlon Brand! Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ