Magazine Società

Ancora rifiuti abbandonati vicino alla dogana di Cremenaga, sindaco infuriato con gli incivili

Creato il 14 ottobre 2019 da Stivalepensante @StivalePensante

Spazzatura. Ancora rifiuti abbandonati, per l'ennesima volta, sul territorio dell'alto Varesotto. In questa circostanza ad essere invasa dai rifiuti è stata un'area nei pressi della dogana di Ponte Cremenaga, che costeggia il fiume Tresa, dove nelle scorse settimane è stata ritrovata una quantità rilevante di immondizia.

Un dipendente comunale, il sindaco Domenico Rigazzi e alcuni volontari del paese sono intervenuti lungo una strada di servizio che serve per le emergenza: si entra dalla dogana e conduce a via dei Pré, verso Cadegliano Viconago. Qui è stata raccolta un'infinità di rifiuti: sedie, materassi, divani, mobili, legname varie, una griglia con attaccato un filtro di aspirazione, numerosi sacchi di rifiuti, compresi quelli delle deiezioni canine, e anche alcuni bidoni dati in dotazione dal comune di Cremenaga per la raccolta del vetro e umido.

" Abbiamo riempito un un furgone - commenta indignato il sindaco Domenico Rigazzi -. Presumibilmente si tratta di cittadini di Cremenaga, e mi stupisco anche come si possano abbandonare i sacchettini con le deiezioni canine. Immagino che qualche cittadino si diverta a gettarli in strada dopo aver raccolto i bisogni del cane... dimostrando così grande intelligenza", commenta ironicamente.

"Abbiamo dovuto posizionare dei panettoni in cemento e mettere delle transenne per impedire il transito ai mezzi - continua ancora il primo cittadino -. Un ringraziamento a questi cittadini incivili, che pensano di fare i furbetti ma prima o poi verranno pizzicati e sanzionati come meritano ".

L'intervento di pulizia è avvenuto due settimane fa, ma sono stati numerosi i cittadini che, vedendo la strada chiusa alla circolazione, hanno chiesto al sindaco il motivo del divieto. "In questo modo i cittadini che sporcano, se vorranno abbandonare i loro rifiuti, dovranno portare tutto a mano", conclude Rigazzi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog