Magazine Cultura

Andar per libri: "la mano che teneva la mia" di Maggie O'Farrell

Creato il 21 gennaio 2012 da Giulie
ANDAR PER LIBRI

La scoperta di oggi riguarda un romanzo uscito solo nell'ottobre 2011, ma inspiegabilmente sfuggito alla mia attenzione.
Titolo: La mano che teneva la mia Autrice: Maggie O'FarrellCasa editrice: Guanda Pagine: 384Prezzo: € 18,50
Uscito il 6 ottobre 2011, La mano che teneva la mia è il terzo romanzo tradotto in italiano della scrittrice britannica (precisamente dell'Irlanda del Nord), Maggie O'Farrell. Ambientato a Londra tra gli anni Cinquanta e oggi, il romanzo alterna le vicende di Lexie e Elina, due donne piene di sogni giunte nella City per realizzare il futuro che hanno sempre sperato. Un legame segreto collega le due storie e la O'Farrell, con un potente stile descrittivo, ci mostrerà come le vicende si uniscono.The hand that first held mine (titolo originale) è l'ultimo romanzo della scrittrice. Gli altri due tradotti in italiano, Dopo di te (Sonzogno) e Quando Esme Lennox svanì (Il saggiatore), purtroppo sono fuori catalogo.

La trama:

Nella vitale Londra del secondo dopoguerra, la giovane Lexie Sinclair, appena arrivata dalle campagne del Devon, sente che tutto è possibile. Mentre cerca di realizzare il sogno di diventare giornalista, viene in contatto con un mondo pervaso da uno straordinario fermento culturale: la Soho degli anni Cinquanta. Quartiere bohème di locali rumorosi, prostitute, immigrati, e di artisti e intellettuali, come Francis Bacon, Lucien Freud o John Deakin. Qui Lexie trova anche l’amore in un uomo più grande di lei, un importante editore.Nella Londra di oggi, Elina, una giovane artista finlandese, ha in comune con la sua coetanea di cinquant’anni prima la grande attrazione per questa città e la voglia di affermarsi nel proprio lavoro. Ma Elina è diventata mamma da poco e fatica a superare le difficoltà delle prime settimane a casa con un neonato. Ted, il padre del bambino, le sta accanto in questo momento delicato e anche lui fa i conti con la paternità. Guardando il figlio, la mente di Ted corre alla propria infanzia, ma riaffiorano immagini, ricordi, pensieri che non coincidono con quello che lui sa del proprio passato...

Dicono del libro:
 "Maggie O'Farrell traduce felicemente in narrazione le pulsioni dell'amore romantico, le gioie e i dolori della maternità, i nodi inestricabili delle vicende di famiglia."Boston Globe
"Si comincia a leggere e non si riesce a smettere... Un'autrice che si inserisce a pieno titolo tra le migliori voci della narrativa inglese."Literay Review

Un brano:
"Ed ecco Lexie, su un marciapiedi a Marble Arch. Si sta aggiustando il dietro della scarpa e lisciando i capelli. È una serata calda, velata, poco dopo le sei. Uomini in giacca e cravatta e donne con il cappellino e i tacchi alti che tirano bambini per mano le scorrono tutt’intorno come se loro fossero un fiume e lei una roccia.Ha iniziato il nuovo lavoro da due giorni. È assistente ascensorista in un immenso grande magazzino. L’ufficio di collocamento l’ha mandata lì dopo il risultato desolante della prova di dattilografia, e da allora non fa che ripetere: «Che piano, signora?», «Sale, signore?», «Terzo piano, casalinghi, merceria e modisteria, grazie». Non aveva mai immaginato che si potesse fare una cosa tanto stupida. O di riuscire a tenere a mente la struttura di un negozio di sette piani, O che una persona potesse comprare tante cose: cappelli, cinture, scarpe, calze, cipria, retine per capelli, completi da uomo. Li ha visti, gli elenchi della spesa che le persone reggono con mani guantate, ha sbirciato da dietro. Tanto quello è solo l’inizio, lo sa. E lì, è a Londra: la sua vita in technicolor comincerà da un momento all’altro, ci scommette, ne è sicura: deve cominciare per forza."

L'autrice:
Maggie O’Farrell, nata in Irlanda del Nord nel 1972 e cresciuta tra il Galles e la Scozia, vive attualmente a Londra. Ha esordito con il romanzo After You’d Gone (2000). Il suo terzo romanzo, The Distance Between Us (2004), ha vinto il Somerset Maugham Award, mentre per La mano che teneva la mia le è stato conferito il Costa Book Award for Fiction 2010. Altri titoli: My Lover’s Lover (2002) e The Vanishing Act of Esme Lennox (2006).

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines