Magazine Lifestyle

Anna Wintour sottoscrive il Manifesto della moda: "Milano deve restare punto di riferimento creativo e di business"

Creato il 19 settembre 2013 da Suami7 @suami7

«So benissimo di essere stata accusata di non amare Milano e addirittura di voler affossare la vostra settimana della moda per favorire New York e Parigi. Niente di più assurdo e sbagliato. È nell’interesse di tutti i protagonisti mondiali della moda che Milano resti il punto di riferimento creativo e di business che è sempre stato. Il vostro Manifesto, spero, stimolerà tutti gli italiani a tirare fuori orgoglio ed energie: Condé Nast America farà la sua parte».

Sono queste le parole del direttore di Vogue America, Anna Wintour, che oggi, in un' intervista al Sole 24 Ore cerca di attenuare vecchie e nuove polemiche e sottoscrive il "Manifesto della moda", lanciato dal quotidiano due giorni fa. Di questo appello all'orgoglio italiano e alla volontà di ripresa, la regina indiscussa della moda ammette di apprezzare soprattutto i punti che riguardano gli investimenti sul territorio, le risorse per la creatività e la formazione, in linea con il motivo della sua permanenza a Milano in questi giorni. Non solo sfilate per Anna Wintour: il direttore americano presenterà infatti all'Accademia di Brera cinque borse di studio sponsorizzate dalle più importanti riviste di Condé Nast America (Vogue, GQ, Vanity Fair, W e New Yorker), destinate a cinque studenti meritevoli di moda uomo e donna, cinema, arte e giornalismo.
Per capire il nesso tra queste affermazioni e la dichiarazione di intenti di Milano, è doveroso fare una premessa. Martedì 17 settembre: Il Sole 24 Ore lancia il "Manifesto della moda", volto a salvaguardare il nostro patrimonio culturale e ad affrontare la ripresa in un periodo non proprio felice dell'economia nazionale. Sei idee per restare al passo con i tempi, cogliere le sfide globali e fronteggiare la concorrenza delle altre capitali del lusso e delle multinazionali: 1) Investire sul territorio; 2) garantire maggiori risorse alla creatività; 3) puntare sulla formazione delle giovani leve; 4) offrire incentivi fiscali; 5) spingere sull'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese; 6) strutturare una solidarietà di sistema in cui le aziende leader si facciano carico di mantenere vivo e dinamico il sistema, incluso le eccellenze artigianali. A sottoscrivere il manifesto numerose personalità note del mondo della moda, come Giorgio Armani, Patrizio Bertelli (Prada), Ferruccio Ferragamo, Roberto Cavalli, Alberta Ferretti, ma anche Federico Ghizzoni (Unicredit), Mario Boselli (Camera nazionale della moda italiana), l'oncologo Umberto Veronesi, Claudio Marenzi (Sistema moda Italia), Enrico Cucchiani (IntesaSanPaolo) e Rossella Jardini (Moschino). Tutti pronti a rivendicare il ruolo di leadership che la moda italiana riveste nel contesto internazionale e disposti a prendere decisioni strategiche per rilanciare la creatività di Milano facendo in modo che possa essere da traino e ispirazione per l'economia del Paese intero.

Nell'intervista esclusiva al Sole 24 Ore, la Wintour fa riferimento al Manifesto e sottolinea l'importanza dell'Italia e della sua creatività nel mondo, motivo principale della scelta di coinvolgere più discipline nella consegna delle borse di studio. "Nessuno deve avere paura del futuro né del cambiamento, come forse succede a volte in Italia", continua, ma nonostante tutto, spinta alla riflessione, apprezza il modo in cui è stata accolta a Milano dal sindaco: "Non era mai successo che ci onorasse di un invito alla Scala, che per noi stranieri resta un mito e allo stesso tempo un luogo irraggiungibile". E poi, quasi a voler toccare un punto dolente di noi italiani, si sofferma sulla mancanza di partnership pubblico-privato concrete nel nostro Paese e su quanto poco l'Italia faccia per aiutare i giovani stilisti e le start up di moda. Il vero problema sta nell'individualismo che acceca gli italiani e che spesso impedisce di capire che la vera forza è nel gioco di squadra; non manca infine qualche parola sul timore degli stilisti italiani di concedere più spazio agli emergenti "Gli stilisti italiani affermati, che sono ormai entrati di diritto nella storia della moda, devono capire che aiutare i giovani, concedendo loro spazio e magari trasferendo un po' di esperienza e conoscenza, non toglierà loro nemmeno un briciolo di gloria e fama, ma anzi aumenterà il loro prestigio. Essere generosi con i giovani migliora l'immagine delle persone e di un Paese."
[fonte]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ragoût Manifesto

    Ragoût Manifesto

    Dunque partiamo da questa sicurezza: Ragoût è tornato. O meglio non se n’è mai andato. O meglio ancora..ora siamo in vacanza ma lavoriamo sempre per voi. Leggere il seguito

    Da  Virgi_ragout
    CUCINA, LIFESTYLE
  • Anna...ma perchè?!

    Anna...ma perchè?!

    Ebbene si...Anna Dello Russo ha colpito di nuovo! Questa volta il crimine è firmato (Yves) Saint Laurent, look con il quale si è presentata ad alcune sfilate... Leggere il seguito

    Da  Fashioncrossing
    LIFESTYLE, MODA E TREND, OPINIONI
  • Anna Rachele: Alla VFNO di Milano

    Anna Rachele: Alla VFNO Milano

    Anna Rachele in occasione della Vogue Fashion’s Night Out del prossimo 17 Settembre, sarà presente presso la boutique Maga Fashion in Via della Spiga 36 a... Leggere il seguito

    Da  Moda Glamour Italia
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • La scarpa perfetta di Anna Wintour

    scarpa perfetta Anna Wintour

    Anna Wintour, direttrice di Vogue America, è una delle donne più influenti nel settore della moda.Sempre impeccabile nelle sue mises, risultato di decenni ai... Leggere il seguito

    Da  Alelo87
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Anna Piaggi e i suoi cappelli in mostra a Milano

    Anna Piaggi suoi cappelli mostra Milano

    Anna Piaggi e i suoi cappelli, da domenica 22 settembre al 30 novembre 2013. Negli spazi di Palazzo Morando Costume Moda Immagine, ingresso da via Bagutta 24,... Leggere il seguito

    Da  Onlinevintage
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Anna Piaggi e i suoi cappelli in mostra a Milano

    Anna Piaggi suoi cappelli mostra Milano

    Anna Piaggi e i suoi cappelli, da domenica 22 settembre al 30 novembre 2013. Negli spazi di Palazzo Morando Costume Moda Immagine, ingresso da via Bagutta 24,... Leggere il seguito

    Da  Onlinevintage
    CONSIGLI UTILI, LIFESTYLE
  • #coollab: anna wii

    #coollab: anna

    Poiché sono le migliori Ambasciatrici Fashion del loro Paese, Sarenza ha chiesto a sette  blogger di creare la decolleté dei loro sogni per una capsule... Leggere il seguito

    Da  Sarenza
    LIFESTYLE, MODA E TREND