Magazine Tecnologia

Antitrust USA: si riaccende il caso Google-Apple

Creato il 12 giugno 2019 da Andreapuchetti

Elizabeth Warren, la candidata alla presidenza che ha promesso guerra ai giganti della Silicon Valley, afferma che i conflitti di interesse dovrebbero impedire al capo delle forze antitrust dell’amministrazione Trump di sorvegliare su un’indagine del Dipartimento di Giustizia su Google e Apple.

Makan Delrahim, a capo della divisione agenzia che sovrintende alle indagini, è stato pagato per fare pressione sull’acquisizione da parte di Google di 3,1 miliardi di dollari della società di pubblicità online DoubleClick nel 2007. Stando a quanto riferito da Warren in una lettera, Delrahim non solo avrebbe incassato 100.000 dollari da Google quell’anno ma è stato pagato da Apple nel 2006 e nel 2007 per fare pressione sull’amministrazione George W. Bush sulle questioni relative alla riforma dei brevetti.

“Il tuo passato lavoro come lobbista per due delle più grandi e meno scrupolose società tecnologiche del mondo crea l’apparenza di un conflitto di interessi”, ha scritto Warren, un senatore democratico del Massachusetts, al Delrahim. “Come capo della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia, non dovresti controllare le indagini su ex clienti che ti hanno pagato decine di migliaia di dollari per fare pressione sul governo federale”.

Il Dipartimento di Giustizia ha confermato di aver ricevuto la lettera ma un portavoce ha rifiutato di commentare. La legge federale impone ai funzionari governativi di ricusarsi dalle questioni quando le circostanze potrebbero spingere una persona ragionevole a mettere in dubbio la loro imparzialità, osserva Warren.

Le indagini sulle questioni antitrust da parte dei Democratici del Congresso hanno aumentato la posta in palio nella Silicon Valley, una tendenza che potrebbe acquisire ancora più slancio man mano che le elezioni presidenziali del 2020 si avvicinano.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog