Magazine Cultura

Archeologia subacquea. Recuperati i resti della battaglia navale delle Egadi, prima guerra punica

Creato il 22 novembre 2015 da Pierluigimontalbano
Recuperati i resti della battaglia navale delle Egadi, prima guerra punica
di Caso Guillermo del Cobos
traduzione di Pierluigi Montalbano

Archeologia subacquea. Recuperati i resti della battaglia navale delle Egadi, prima guerra punica
Una spedizione italiana ha recuperato alcuni caschi dei legionari e vari rostri (prue) delle navi romane di guerra. Sono resti della battaglia navale delle isole Egadi , che ha avuto luogo sulla costa di Trapani, nel 241 a.C., nella quale i romani sconfissero i cartaginesi, ponendo fine vittoriosamente alla Prima Guerra Punica.
Nelle ultime settimane, in uno studio coordinato dalla Soprintendenza del Mare della Sicilia, due subacquei, Gian Michele Iaria e Stefano Ruia hanno recuperato i caschi dei legionari romani: "Avevamo distinto due scafi nel fondo, e poi, in un'area di soli 200 metri quadrati, a 75 metri di profondità, abbiamo rinvenuto altri 10 scafi", ha detto Ruia. "Sappiamo che i rostri sono Romani per la caratteristica forma a punta di ananas. Non lontano, aggiunge Ruia, abbiamo trovato una testa di statua romana, probabilmente persa dalla nave sulla quale erano imbarcati i soldati che indossavano caschi. La ricerca subacquea è iniziata nel 2006 con il contributo decisivo della RPM Nautical Foundation, un istituto americano che ha messo a disposizione la nave Ercole, dotata di una moderna strumentazione per la ricerca subacquea. Finora, la ricerca ha portato alla scoperta di sei rostri di navi affondate. Due sono cartaginesi, mentre quattro hanno iscrizioni romane e latine che attestano la loro origine. La battaglia delle Egadi ha segnato una svolta: Roma era cresciuta di importanza, da piccola potenza regionale diventava una potenza mondiale.Questa battaglia navale, la più memorabile della storia per il gran numero di partecipanti, 200.000, si svolse la mattina del 10 marzo dell'anno 241 a.C., e mostrò come Roma potè battere i Cartaginesi sul mare. I Romani furono in grado, in pochi anni, di rivoluzionare il modello classico di navi da guerra, scegliendo la costruzione navale quinqueremi (con 5 file di rematori), molto più veloce di quella dei Cartaginesi, e con l'allestimento di innovativi rostri di perforazione e Corvi " gateway” attraverso i quali eseguivano l’abbordaggio, una tecnica scelta dai soldati romani per la battaglia, poiché erano esperti di guerra a terra e spostarono sul ponte delle navi i duelli corpo a corpo.
Archeologia subacquea. Recuperati i resti della battaglia navale delle Egadi, prima guerra punica
"La nostra ricerca nasce diversi anni fa, quando un subacqueo, morto di recente, Vincenzo Paladino, mi disse che aveva scoperto circa 300 reperti in fila lungo la parte inferiore della costa orientale dell'isola di Levanzo", ha detto Tusa. "Abbiamo consultato gli scritti dello storico greco Polibio , il quale, ad una distanza di circa 70 anni di episodi di guerra, aveva ricostruito la battaglia della sua storia: si racconta come i Romani, guidati dal console Gaio Lutazio Catullo attaccò di sorpresa i Cartaginesi. Avevano teso un'imboscata al riparo dietro un promontorio dell'isola di Levanzo e, nella fretta di passare all'attacco, avevano tagliato la parte superiore delle ancore, precisamente quelle che Vincenzo Paladino aveva trovato. "
Le fonti storiche riferiscono che la flotta cartaginese era composta da 700 navi, e operava principalmente per rifornire le truppe di terra di stanza sul monte Erice, in Sicilia, guidate da Amilcare Barca . "La Prima Guerra Punica" continua Tusa, "come la prima guerra mondiale si stava trascinando da anni con gli scontri di terra (di posizione) tra le colline di Trapani e Palermo, distanti solo pochi chilometri. I Cartaginesi poi misero insieme una grande flotta sotto il comando del generale Hannone e altri rinforzi e cercare di porre termine a questo stato di cose " . I romani, tuttavia, dopo la sconfitta della Tunisia, e la perdita di numerose imbarcazioni come lo sfortunato Camarina (255 a.C.), grazie ad una flotta di circa 200 velocissimi quinqueremi, armati grazie ai tributi versati dai cittadini.
Il comandante cartaginese Hannone fece una sosta per qualche giorno a Marettimo (ex Hiera ), nelle isole Egadi. La mattina del 10 marzo 241, vedendo che il vento era favorevole (vento dell'ovest) navigò nei pressi di un preciso punto sotto costa nella Siciliaoccidentale. Ma i romani, ben informati, raggiunsero con 300 navi il porto di Marsala (antica Lilibeo ), Favignana.
I romani si appostarono in agguato dietro la punta di Capogrosso, all'estremità nord dell'isola di Levanzo. I Cartaginesi arrivarono quando la flotta era in inferiorità numerica, ma meglio armata e pronta all’assalto. L'attacco fu micidiale: alcune navi romane ruppero con i loro rostri i lati delle navi cartaginesi provocandone il naufragio. Altre navi avvicinarono le navi nemiche rompendo tutti i remi da un lato e rendendole ingestibili, mentre la fanteria romana prese d'assalto le passerelle. Le catapulte lanciarono urne fiammeggianti, simili a bombe molotov. "Il resto della flotta dei Cartaginesi issò le vele e si ritirò sotto il vento, che, fortunatamente, cambiò improvvisamente al momento del bisogno" , Polibio dice. Più di 2000 anni dopo, i ricercatori hanno trovato 200 anfore sul fondo marino. Sono di fattura greco-italica, ampiamente utilizzate tra i Cartaginesi, che le gettarono dalle barche in fuga per alleggerire il peso. La spedizione cartaginese del comandante Barca fallì e, privo di rifornimenti, fu costretto a cedere ai romani il dominio sulla Sicilia. Il perdente, l’ammiraglio cartaginese Hannon, tornò a Cartagine col capo chino per la sconfitta. Al contrario, il console Gaio Lutazio Catullo tornò a Roma dove ricevette gli onori. In memoria di quel trionfo fu costruito il tempio di Giuturna, i cui resti sono ancora visibili a Roma in Largo Argentina, di fronte al Teatro Valle. (vedi immagine in basso).
Archeologia subacquea. Recuperati i resti della battaglia navale delle Egadi, prima guerra punica

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :