Magazine Sport

Ariel Holan cambia idea e no se va: resta all’Independiente, i dettagli

Creato il 24 dicembre 2017 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Era stata senza dubbio la notizia della settimana sudamericana, quella riguardante le dimissioni di Ariel Holan dall’Independiente: il tecnico, hincha del Rojo da quando aveva 4 anni e il padre lo portava allo stadio, aveva chiuso la stagione conquistando la Copa Sudamericana e rinverdendo i fasti del Rey de Copas coi vari Barco, Meza ecc, salvo poi rifiutare il rinnovo per l’aggressione subita a fine ottobre dalla barra brava dell’Independiente.

Riassumendo in breve, i ”tifosi” del Rojo chiedevano a Holan di finanziare con 50mila dollari la trasferta di Asuncion (Copa Sudamericana), e dopo il suo rifiuto l’avevano malmenato e avevano minacciato ritorsioni sulla sua famiglia: Holan aveva vissuto due mesi sostanzialmente sotto scorta della polizia, e poi al momento di rinnovare il contratto che andava in scadenza il 31 dicembre aveva effettuato il passo indietro con una lunga lettera destinata ai tifosi del suo club, dimettendosi dalla guida tecnica. Il Rojo si era dunque messo alla ricerca di un nuovo tecnico (Almeyda, Guede, Mohamed e Dominguez i candidati), ma al tempo stesso non si era arreso nei confronti del Profe: e così il presidente Hugo Moyano (rieletto con l’89% dei voti) ha compiuto la più classica delle magie natalizie, convincendo Holan a tornare sui suoi passi e rinunciare alle dimissioni.

Hanno fatto tanto le rassicurazioni delle forze dell’ordine, che si sono impegnate a perseguire coloro che hanno malmenato Holan (c’è una denuncia penale) e proteggere la sua famiglia, ma soprattutto ha fatto tantissimo il supporto della parte ”buona” della tifoseria, quella che ha lanciato un’autentica ondata d’affetto sul profilo Twitter dell’ex tecnico di hockey su prato (ha svolto questo lavoro fino al 2004) e l’ha commosso a tal punto da farlo tornare sui suoi passi: il Profe ha così riavviato sottotraccia i discorsi per il rinnovo, e nella serata di ieri è arrivato l’annuncio dell’accordo raggiunto per prolungare il contratto che lo legherà all’Independiente.

Un rinnovo che sarà verosimilmente annuale (Ariel Holan ha un’interpretazione del calcio alla Sampaoli), e che spegne le voci riguardo al possibile salto sulla panchina di Cile (sempre più vicino a Rueda) o Paraguay: Ariel Holan dunque siederà ancora sulla panchina del suo Independiente, e potrà andare a caccia di una nuova impresa. Vincendo la Copa Suruga Bank (contro il Cerezo Osaka, 8 agosto) e la Recopa Sudamericana (14 e 21 febbraio) contro il Gremio, infatti, il Rojo diventerebbe il club più titolato del Sudamerica superando il Boca Jrs (18 titoli per gli xeneizes, 17 per il Rey de Copas), e poi c’è la grande sfida chiamata Copa Libertadores: riuscirà l’Independiente a tornare grande anche nella massima competizione continentale, e riuscirà Holan a ripensare il suo gioco senza la stellina Ezequiel Barco (MLS)? Non sarà facile, ma il Profe ha le idee chiare e ha già chiesto al club uno sforzo per ingaggiare un vecchio e talentuoso volpone: l’obiettivo si chiama Fernando Belluschi, un acquisto non facile da realizzare (come non lo è Mancuello, altro obiettivo Rojo).

Quiero agradecer a la CD en la persona de su Presidente, Sr. Hugo Moyano por su predisposición y muy especialmente al Ministro de Seguridad de la Pcia BA, Sr. @cristianritondo, quien me aseguró la tranquilidad de mi familia y la mía.https://t.co/d7xbwlAShU

— Ariel Holan (@arielholan_DT) 24 dicembre 2017

(di Marco Corradi, @corradone91)

PER TUTTE LE NEWS E GLI AGGIORNAMENTI SEGUICI SU: AGENTI ANONIMI.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L'articolo Ariel Holan cambia idea e no se va: resta all’Independiente, i dettagli proviene da Agenti Anonimi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :