Magazine Cultura

Arlecchinate futuriste. Gli Aukcyon e Aleksej Chvostenko tra musica, vita e poesia

Creato il 31 luglio 2013 da Sulromanzo
Autore: Francesco PeriMer, 31/07/2013 - 15:30

Arlecchinate futuriste, Aukcyon, Aleksej ChvostenkoArticolo pubblicato nella Webzine Sul Romanzo n. 3/2013, Le tentazioni della cultura.

Con trent’anni di carriera e una dozzina di dischi alle spalle, gli uni e gli altri improntati al più ironico disinteresse per le leggi dell’autopromozione, gli Aukcyon sono il segreto peggio custodito del rock d’avanguardia post-sovietico. Gli intenditori sanno da tempo che cosa pensarne, i cultori di cose slave li conoscono bene (Paolo Nori li cita in un romanzo), ma nonostante i concerti all’estero e i mille progetti paralleli, il gruppo di Leonid Fëdorov, beffardo, ludico e provocatorio, resta una mina vagante.

Fusion? Folk? Cabaret dadaista? È molto difficile, anche a fronte di un’impronta stilistica piuttosto omogenea nel tempo (concordia discors se mai ve ne furono), dare un nome alla miscela sonora dei pietroburghesi. Se nelle loro primissime cose si avverte qua e là una vaga impronta new wave, il risultato è già del tutto straniante: sono gli anni Ottanta di una civiltà aliena, musica X da un universo parallelo. Ben presto anche gli ultimi vocaboli rock verranno riassorbiti da un linguaggio armonico e formale che, senza rinunciare a un confortevole diatonismo (si potrebbe parlare di avanguardia morbida, senza dissonanze), risulterà del tutto astratto, irriducibile al modello della canzone. Le coordinate sono quelle di certo jazz modale – ostinati, armonie sospese, assenza di tensioni e cadenze, rarefazione del disegno – ma su questa grammatica “cool” viene innestato un vocabolario schizoide: dallo swing alle marcette, dal free jazz a motivetti da balera, passando per gli inconfondibili melismi “asiatici” delle linee vocali di Fëdorov. Art-Rock come potrebbero suonarlo a Krasnojarsk, con una cassa di strumenti caduta da un vagone della Transiberiana. All’opposto di Frank Zappa, che amava disgregare dall’interno gli stilemi della musica più trita, gli Aukcyon ricreano modelli vagamente familiari con mezzi del tutto eterogenei, straniandoli prima ancora di averli evocati, dando luogo a un equilibrio precario sempre in procinto di mutare e disgregarsi.

Ma andiamo con ordine, cioè partiamo esattamente dal mezzo: dallo straordinario Žilec veršin [L’inquilino delle vette] del 1995, dove si incrociano tutti i fili della nostra storia. Disco di piena maturità, traboccante di colori, forme e soluzioni strumentali, presenta gli Aukcyon al servizio di due ospiti di eccezione: i testi sono di Velimir Chlebnikov (1885-1922), il più estremo e visionario poeta futurista russo; la voce dietro il microfono è quella di Aleksej Chvostenko (1940-2004), poeta, chansonnier, artista plastico e veterano della controcultura sovietica.

Per continuare a leggere clicca qui.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Media: Scegli un punteggio12345 Nessun voto finora

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Opportunità per gli Editori

    Opportunità Editori

    Post tratto dal blog "Il mondo dello scrittore" Caro Editore, la nostra mission e lo scopo di questa iniziativa è quella di voler sostenere gratuitamente il... Leggere il seguito

    Da  Andrea Leonelli
    CULTURA, LIBRI
  • Fermate gli sposi!

    Fermate sposi!

    Buongiorno cari lettori!A quasi un mese dalla fine della sua lettura, solo ora ho trovato il tempo di recensire Fermate gli sposi!, l'ultimo libro di Sophie... Leggere il seguito

    Da  Valeria Polverino
    CULTURA, LIBRI
  • autostop con gli alieni...

    autostop alieni...

    Difficilissimo catalogare l'opera di Michel Faber, scrittore dai natali olandesi, cresciuto in Australia ma residente in Scozia da abbastanza tempo per poter... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA, LIBRI
  • Gli sdraiati

    sdraiati

    Buongiorno miei cari Booklovers!Oggi vi voglio parlare de Gli sdraiati, ultimo libro di Michele Serra edito da Feltrinelli. Da qualche settimana è in testa... Leggere il seguito

    Da  Valeria Polverino
    CULTURA, LIBRI
  • Gli sdraiati

    sdraiati

    Oggi ti sei svegliato nello stesso momento in cui si sveglia tutta la città. Quando il concerto umano (il rombo del traffico, il clangore delle serrande, il... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI
  • Gli accessori

    accessori

    Oggi voglio parlarvi di piccole curiosità che riguardano gli strumenti musicali ed in particolare di quelli a fiato.Ai non è addetti ai lavori  può essere... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Gli extraterrestri

    Gli alieni esistono? Oggigiorno sono sempre di più le persone che credono che non siamo soli. A prescindere dal fatto che ritenere di essere gli unici in un... Leggere il seguito

    Da  Mikdarko
    CULTURA