Magazine Lifestyle

Aromi dell’Anima

Creato il 22 dicembre 2017 da Edoardo
I profumi sono strumenti essenziali per rendere la nostra vita piena di sfumature, emozioni e ricordi. Per qualcuno sono come una porta aperta sul meraviglioso. Non so se sia una questione di pelle, ma la nostra vita senza profumi sarebbe davvero oscura. Ne sanno qualcosa Coco Chanel e Marilyn Monroe che, in più occasioni, non hanno mancato di far sapere al mondo quanto un profumo possa essere importante. Date queste premesse, è facile capire come al giorno d'oggi, si ricorra sempre più ai profumi per stare meglio, aumentando l'interesse verso l'aromaterapia. Ma qual è il segreto che sta alla base di questa tecnica antichissima? L'aroma terapia, figlia della medicina non convenzionale, consiste nell'utilizzo degli oli essenziali per mantenere e riequilibrare il proprio essere. Nonostante tale pratica sia ben lontana da essere considerata una terapia medica, quando si sta male o ci si sente giù di corda, fa sempre piacere sentire un buon profumo. Perciò, oggi voglio parlarvi di chi ha fatto dell'arte dei profumi la propria vita. Simone Scaglietti è un eclettico profumiere modenese ( oltre che ideatore di già apprezzate linee di profumi) il quale, recentemente, ha presentato la sua nuova collazione "Sergio Scaglietti", dedicata all'amato nonno artista. Qui di seguito troverete la sua intervista rilasciata alla nostra redazione.
Certo, questo mio nuovo progetto è il frutto di un paio d'anni di "gestazione". E' come un figlio...Fin da bambino sono stato attratto dai profumi e dagli odori e, abitando in campagna, ho come dire "sbizzarrito" il naso tra fiori, frutti ed erbe. Lavorando ormai da più di venti anni nella piccola azienda familiare di cosmesi, ho avuto la possibilità di frequentare assiduamente i laboratori di cui ci serviamo e, con l'incoraggiamento della titolare di uno di questi, ho approfondito le mie conoscenze sui profumi. Ho studiato molto, ho frequentato corsi e mi sono cimentato nella realizzazione delle prime fragranze. Ora ho uno spazio tutto mio all'interno di questo laboratorio dove posso creare liberamente e, grazie a questa possibilità, ho deciso di creare una linea tutta mia che raccontasse di me e della mia famiglia. Ho avuto la fortuna di essere il nipote di Sergio Scaglietti, il grande e famoso carrozziere di Enzo Ferrari (che ha creato le più belle e costose auto del mondo), e credo sia stato lui a trasmettermi tanta creatività. Ho -Come nasce in te il desiderio di creare profumi e cosa provi nel vedere che il pubblico apprezza le tue creazioni? Credo che il desiderio di creare sia innato: come dicevo prima, è sinonimo di espressività, poiché il pittore dipinge, lo scultore scolpisce ed io, invece, dò vita a profumi, mischiando essenze e creando fragranze, come in qualsiasi forma d'arte. Il fatto che le fragranze siano apprezzate mi riempie di orgoglio, perché vedo negli occhi delle persone che le sentono e le provano, di essere riuscito a scatenare emozioni. Ciò che mi rende davvero felice, però, è riuscire a suscitare le mie stesse emozioni nelle altre persone. E questo è il miglior risultato, è fare centro! -Che cos'è per te un profumo, anzi, Il Profumo? Il profumo è vita, profumo inteso come odore. Gli odori generano i nostri ricordi, tutti, dai più belli e felici ai più dolorosi. Ogni attimo della nostra vita è legato ad un odore, e quindi ad un ricordo. -Pensi che i profumi possano essere nostri alleati per star bene ed in equilibrio con noi stessi? Certo che si! Come accennavo, tutta la nostra vita è legata agli odori. L'olfatto è il nostro senso più ancestrale, è il primo che si è evoluto ed è l'unico collegato direttamente al cervello, ma soprattutto alla zona poli-sensoriale detta edonistica, il centro del piacere. Fin dal terzo mese il feto percepisce gli odori e, fin dalla nascita, deve imparare a gestire tutte le informazioni che riceve attraverso il flusso respiratorio. La nostra educazione ed i nostri ricordi formano il presupposto, è il nostro vissuto. Grazie ad un sistema di legami, associamo un odore ad una persona, ad un luogo, ad un momento, ad una sensazione. Questa memorizzazione è assolutamente personale perché dipende dal nostro vissuto e ci rende unici. Gli odori sono immagazzinati nella memoria in un contesto sensoriale ed emozionale non sempre cosciente, in associazione con le immagini ed i suoni. Ciò spiega perché ogni persona ricollega un odore ad una esperienza unica. La memoria olfattiva è legata alla sfera affettiva, ma non possiede associazioni oggetto/parola. Gli psicologi chiamano questo fenomeno la "sindrome di Proust". E' per questo che, intervenendo con determinati olii essenziali, profumi od odori, si può agire sugli stati d'animo delle persone ed indurre stati di benessere. Per esempio, utilizzare Olio essenziale di arancio nel bagnetto del neonato e nelle camere da letto concilia il sonno e il rilassamento. Oppure con Olio di essenziale di lavanda si aumentano le facoltà di percezione, nel senso che ci aiuta a mantenere lucida la mente quando si è un po' stanchi o alla guida... -Che consigli daresti ai nostri lettori e alle nostre lettrici per scegliere il proprio (o i propri) profumi? Affidarsi al proprio naso. È lui che sceglie per noi, ma il fatto di essere aiutati negli acquisti da personale preparato e specializzato, che sa di cosa questo o quell'altro profumo è composto, può aiutarci ulteriormente. Vero è che la parte edonistica del profumo fa la differenza. Io consiglio sempre di non affidarsi alle mode del momento, ma di ricercare sempre quel profumo che ci fa stare bene, quello che suscita in noi il maggior numero di sensazioni positive. Quando annuso un profumo per la prima volta, io per esempio chiudo gli occhi ed ascolto il racconto del venditore, e cerco di farmi emozionare. Se non succede nulla, o se non vedo un colore o non rielaboro quella situazione, non lo compero. Allo stesso modo, quando creo un profumo dopo averlo composto, lo lascio qualche giorno "da solo" in frigorifero, poi lo estraggo e lo annuso ad occhi chiusi e, se in quel momento rielaboro le sensazione che volevo scatenare sentendo quell'odore, significa che è pronto, altrimenti ricomincio da capo... http://www.scaglietti-srl.it/index.php?p=catalogo&linea=12 Editor Filippo Sanna Copyright Federica Narducci Aromi dell’Anima ideato quindi una linea di quattro Eau de Parfumes ispirata al mondo delle automobili create dal nonno, interpretandone i racconti ed i ricordi legati agli amici e ai personaggi che si sono avvicendate nella Carrozzeria Scaglietti.La Racing Line prende ispirazione da tutti gli elementi alla base della produzione delle carrozzerie delle auto del Nonno: le armoniose linee curve e senza spigoli, tanto amate da Sergio, hanno ispirato la silhouette della semplice ed elegante bottiglia di profumo, caratterizzata da un raffinato tappo che richiama i bulloni delle ruote. Il packaging, personalizzato da un barattolo in alluminio interamente riutilizzabile e riciclabile, rievoca l'alluminio con cui venivano effettuati gli esperimenti sulle carrozzerie, ricordando inoltre i barattoli di vernice che venivano dati in corredo alle auto come scorta per eventuali ritocchi, dato che anche i colori erano fatti su misura.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine