Magazine

Arriva Ector, l’orsetto che protegge i bambini dal fumo passivo

Creato il 07 giugno 2017 da Justnewsitpietro

Dagli studi condotti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sono circa 1,1 miliardi le persone che fumano nel mondo, di cui 950 milioni di uomini e 177 milioni di donne. Sono gravi le conseguenze provocate dalle sostanze contenute nelle sigarette e nel tabacco, anche per chi viene esposto al fumo indiretto, come lo sviluppo di tumori, malattie del sistema respiratorio e cardiocircolatorio. Ma a farne le spese  purtroppo sono soprattutto i bambini, in Italia secondo gli esperti il 52% di loro subisce il fumo passivo, responsabile di patologie quali bronchite e polmonite, causando ogni anno in Italia circa 15.000 ospedalizzazioni nei reparti pediatrici.

Per sensibilizzare su un tema cosi importante arriva Ector, un orsetto speciale ideato per proteggere i bambini dal fumo passivo.

Il progetto “Ector The Protector Bear” promosso dall’azienda Roche in collaborazione con la Trudi e con il patrocinio di Women against cancer in Europe (WALCE) ha il compito di proteggere i bambini e sensibilizzare gli adulti sui rischi legati al fumo passivo. Ector è un orsetto speciale di peluche, che grazie ad un sensore inserito internamento tossisce quando qualcuno vicino a lui fuma, scoraggiando cosi i fumatori,  avverte  i genitori del rischio a cui stanno sottoponendo i loro bambini ed educa questi ultimi a tenersi lontani dalle minacce del fumo.

Il progetto è diviso in due parti, di cui la prima, parte con una campagna di informazioni  trasmessa attraverso un sito e un video diffuso dai canali social network. La seconda parte del progetto partirà in autunno in occasione del mese mondiale di sensibilizzazione del tumore al polmone, Ector verrà cosi distribuito durante incontri organizzati da WALCE all’interno di corsi pre-parto in alcune città italiane.

Il fumo indiretto è nocivo quanto quello diretto, e l’informazione rappresenta uno strumento essenziale per la prevenzione di gravi patologie.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :