Magazine Informazione regionale

Arturo, niente processo per uno degli aggressori: è troppo giovane

Creato il 21 aprile 2018 da Vesuviolive

Arturo, niente processo per uno degli aggressori: è troppo giovaneNapoli – La Procura dei Minori è riuscita a far fissare la prima udienza del processo a carico dei 3 dei 4 aggressori che, il 18 dicembre 2017, hanno tentato di rapinare Arturo, un loro coetaneo, per rubargli il cellulare. In quell’occasione l’adolescente fu bloccato alle spalle da alcuni componenti della baby gang, mentre gli altri gli sferravano circa 20 coltellate al torace e alla gola.

Per loro le accuse sono di tentato omicidio e tentata rapina. Dovranno comparire davanti al giudice il prossimo 6 luglio. Il quarto ragazzino coinvolto, invece, non andrà a processo perché ha meno di 14 anni e, dunque, non è imputabile. La sua situazione è stata segnalata ai servizi sociali, che dovranno inserirlo in un programma di recupero.

Nonostante le immagini sembrino inchiodarli, sono diverse le versioni date dai tre minorenni sui fatti: tutti negano di aver preso parte all’aggressione.

Ragazzi con situazioni familiari molto complicate alle spalle, che hanno abbandonato la scuola, in tenerissima età dovranno quindi affrontare un processo che li segnerà per tutta la vita. Emerge ancora una volta con distinta chiarezza il contesto di estremo degrado sociale in cui molti bambini e adolescenti crescono e vivono, mentre Stato, scuola e servizi sociali sembrano oggetti distanti che si tappano occhi e orecchie.

L'articolo Arturo, niente processo per uno degli aggressori: è troppo giovane proviene da Vesuvio Live.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :