Magazine Cultura

Ascoltiamo Emanuele Severino su una questione centrale del suo pensiero filosofico (Brano tratto da ‘Intorno al senso del nulla’, p. 75).

Creato il 02 settembre 2019 da Paolo Ferrario @PFerrario

Vasco UrsiniaAmici di Emanuele Severino

Si ritorni ora al centro della struttura originaria del destino. ossia alla negazione della radice del nichilismo – il nichilismo essendo la forma più radicale della negazione del destino, cioè la forma più radicale dell’isolamento della terra dal destino: tale negazione è l’affermazione che un essente qualsiasi può non essere.
All’interno del destino appare che affermando che ‘un qualsiasi essente’ non è stato e non sarà – cioè che un essente è nel tempo, nel divenire, e che quindi, nel tempo, ‘non è’ – si afferma l’esistenza di un tempo (il passato, il futuro, ma anche il presente, se tale essente è stato o sarà, ma nel presente non è) in cui tale essente è ‘niente’. Il nichilismo è appunto l’identificazione dell’essente e del niente. Questa identificazione è l’ ‘impossibile’. Il nichilismo ha fede nell’esistenza dell’impossibile (senza peraltro poter sapere che ciò in cui esso ha fede è l’impossibile).

via (1) Amici di Emanuele Severino


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog