Magazine Curiosità

Assurdo, Fellow; Abita; Perle

Creato il 01 febbraio 2018 da Chinalski

Assùrdo
Dal latino absurdus, propriamente ‘stonato’, derivato di surdus ‘sordo’.
Aggettivo.
Che è contrario alla ragione, all’evidenza, al buon senso; che è in sé stesso una contraddizione: un’affermazione, una tesi, una supposizione assurda; queste sono pretese assurde.
Di cose o fatti reali, ma quasi incredibili per la loro stranezza o eccezionalità: è una situazione assurda.
(estensione) Riferito a persona, irragionevole, dal comportamento stravagante o fuori della norma: un tipo assurdo.

Sostantivo maschile.
Ciò che non può essere pensato perché privo di ogni fondamento nella ragione, e quindi intrinsecamente contraddittorio: dimostrare l’assurdo di una tesi (in questo esempio è usato più comunemente assurdità).
Riduzione, deduzione all’assurdo, o dimostrazione per assurdo: (matematica) tipo di argomentazione per cui, presupposta vera la tesi opposta a quella che si vuol dimostrare, si fa vedere come ne derivino conseguenze contraddittorie.
Primo e secondo principio della riduzione all’assurdo: (logica matematica) principi secondo i quali un enunciato è falso se implica la propria negazione o una contraddizione.
Teatro dell’assurdo: espressione con la quale si indica la produzione teatrale di vari autori del Novecento (Beckett, Ionesco), che esprimono l’angoscia esistenziale e l’irrazionalità della condizione umana attraverso l’abbandono dei mezzi espressivi logici e razionali.

Una (parola) giapponese a Roma

Fellow [‘felou]
Voce inglese, propriamente ‘compagno’.
Sostantivo maschile invariabile.
Con riferimento al mondo anglosassone, i membri di una società scientifica, i membri interni di un college nelle università inglesi e gli studiosi che, all’inizio della carriera scientifica o accademica, sono stipendiati in università anglosassoni o forniti di borsa di studio per svolgere ricerche in istituti o fondazioni all’estero.

Abita come mangi

Gli abitanti di Castel del Rio, comune in provincia di Bologna, si chiamano alidosiani. Il motivo, secondo gli studi della Parolata, è perché nessuno riusciva a trovare un nome decente per gli abitanti (castellesi? delriani?), allora è stato deciso di derivare il nome dall’antica e nobile famiglia degli Alidosi, feudatari della zona.

Perle di notizie

"Goggia è salita sul gradino più alto del podio, davanti all’invincibile americana Vonn."
Sentita durante una telecronaca di una gara sciistica. Oramai lo sapete: la Parolata ha un debole per le frasi contraddittorie.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :