Magazine Informazione regionale

ATTUALITA' - BELGIOIOSO (pv). “L’Europa non va demolita o aggiustata: va rifatta”

Creato il 25 marzo 2019 da Agipapress
ATTUALITA' ATTUALITA' - BELGIOIOSO (pv). “L’Europa non va demolita o aggiustata: va rifatta”BELGIOIOSO (pv). Robi Ronza, giornalista esperto di politiche internazionali e per anni collaboratore di Regione Lombardia, ha dedicato il suo intervento al tema dei valori e degli ideali fondanti l’Ue all'incontro organizzato dal Centro Culturale "La nuova terra" e tenutosi giovedì scorso alle 21 presso il Cinema "Oratorio San Luigi” di Belgioioso dal titolo”Cosa ti è successo Europa?”  Ronza non halesinato critiche sulla situazione che si è venuta a creare in Europa affermando: “L’Unione Europea non va demolita ma nemmeno aggiustata. Va semplicemente rifatta. Non passa giorno senza che a mio parere ciò diventi più chiaro. E’ pertanto molto opportuno, anche se non gradito all’establishment politico europeo che le ormai imminenti elezioni per il rinnovo del Parlamento di Strasburgo diventino una buona occasione per far cadere il tabù dell’intoccabilità dei vigenti trattati europei ATTUALITA' - BELGIOIOSO (pv). “L’Europa non va demolita o aggiustata: va rifatta”A monte di tutto ciò si pone tuttavia la cruciale questione del fondamento ideale dell’Ue – ha poi aggiunto Ronza -. Mettersi a rifare i trattati sarebbe cosa inutile se non pericolosa. Tale fondamento non può che essere l’anima del nostro Continente ovvero la sua storia e la sua civiltà plurimillenarie che invece un certo punto si pretese di censurare con i risultati che si vedono
In un crescendo che giunse al suo culmine nel 2003, con il progetto di Costituzione Europea poi provvidenzialmente abbandonato nel 2007, ha proseguito Ronza, nelle istituzioni europee si sono imposte forze politico-culturali ispirate a un illuminismo estremista:Pur di censurare le radici cristiane dell’Europa, - ha specificato il giornalista ospite della serata - queste forze hanno preteso di tagliare ogni sua radice facendone un albero senza radicamento alcuno, pronto a crollare alla prima tempesta come oggi chiunque può vedere.Far riemergere l’anima sommersa dell’Europa diviene pertanto sempre più urgente. Ben venga dunque ogni ripresa di riflessioni al riguardo”.
Filippo Cavazza

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog