Magazine Maternità

Baby A Bordo

Da Mammajewel @mammajewel
Baby A Bordo
Una versione del segno è stato trovato in Germania da Patricia Bradley di Medford, Massachusetts. [1] Con la sorella Elena ha iniziato una società, phob, di commercializzarli negli Stati Uniti, ma si era limitato solo successo fino alla collaborazione con Michael Lerner.Baby A Bordo
Lerner è stato detto circa i segni Dopo aver raccontato la sua esperienza di piloti aggressivi quando si guida a casa il suo bambino nipote nel traffico intenso. [1] Lerner alla fine ha acquistato phob per circa US $ 150.000, e ha cambiato il nome al 1 ° di sicurezza.
Il segno è diventato una moda onnipresente, fiorente nel 1985. Il suo uso negli Stati Uniti si riducono rapidamente nel 1986 [2] come imitazioni parodia con linee come "Baby mi annoio", "Pit Bull a bordo", e "Madre-In- legge in tronco "è diventato popolare, anche se la sua popolarità continua nel Regno Unito (insieme ad altre versioni, come" la principessa a bordo "e" Piccola persona a bordo "), in Italia e in Giappone (di solito dire" baby in auto ", con il segno scritto in inglese o in scrittura giapponese) e nel 21 ° secolo. La capogruppo originale diversificata in neonati e bambini prodotti. [Citazione necessaria]
Nonostante calante in popolarità, i segni sono entrati nel lessico americano. Nel 1993, The Simpsons episodio "di Homer Barbershop Quartet" caratterizzato da una melodia barbershop quartet chiamato "Baby on Board". La canzone è stata scritta da Homer Simpson in un flashback al 1985 quando Marge comprato un segno, sperando che impedire alla gente di "intenzionalmente speronamento la nostra macchina".
A seguito della richiesta popolare e sperimentazione nel 2005, [3] Transport for London (TfL) ha iniziato ad emettere badge con il logo TfL e le parole "Baby A Bordo!" alle donne in gravidanza che viaggiano sulla metropolitana di Londra, per aiutare a identificare gli altri passeggeri pendolari incinte che vorrebbero essere offerto un posto a sedere

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines