Magazine Cucina

Baci di Dama Vegani

Da Ricettepervegani

I baci di dama vegani sono dei biscotti tipici del Piemonte, e sono così chiamati perchè sono formati da due basi di pasta frolla che ricordano vagamente due labbra da baciare. Io per realizzarli ho usato della farina integrale, ma è possibile usare anche quella classica. Una delizia, il tutto senza un briciolo di crudeltà!

INGREDIENTI: Baci di Dama Vegani

200 gr Nocciole Tostate

200 gr Farina Integrale

200 gr Zucchero di Canna

40 gr Cacao Amaro

150 gr Cioccolato Fondente

150 gr Margarina Vegetale

PROCEDIMENTO:

Per prima cosa bisogna prendere le nocciole, metterle in un mixer e macinarle fino a quando diventano una crema.

Baci di Dama Vegani

Traferire la crema ottenuta in una ciotola, lavare il mixer che ci servirà per polverizzare lo zucchero di canna in modo da renderlo simile allo zucchero a velo.

A questo punto, in una ciotola mettere la crema di nocciole, lo zucchero appena polverizzato, il cacao amaro, la farina e la margarina ed iniziare ad impastare il tutto. Quando l'impasto sarà bello liscio formiamo una palla

Baci di Dama Vegani
Baci di Dama Vegani

Avvolgiamola con la pellicola e mettiamola nel frigo a riposare per circa un'ora

Baci di Dama Vegani

Trascorso il tempo tiriamo fuori l'impasto dal frigo, tagliamo dei pezzettini e formiamo delle palline grandi come una noce circa. Mettiamo le palline in una teglia e lasciamole riposare un'altra mezz'ora in frigorifero.

Baci di Dama Vegani

Accendiamo il forno e riscaldiamolo a 150 gradi. Cuociamo le palline per circa 25 minuti, facendo la prova dello stuzzicadenti per vedere se sono cotte.

Nel frattempo facciamo fondere il cioccolato nel microonde con un goccino di latte di soia. Quando sarà fuso, lasciarlo raffreddare un pochino in modo che si solidifichi leggermente.

A questo punto, una volta cotti i biscotti andiamo a comporre i nostri baci di dama vegan.

Baci di Dama Vegani

The following two tabs change content below.

Baci di Dama Vegani
Baci di Dama Vegani

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines