Magazine Formazione / Istruzione

Back To Basic: Il Potere delle Idee Semplici

Da Alessandro Vella @alevella

La regola d’oro dello sport vale anche nel business: allenati sui fondamentali.

I fondamentali sono le basi che non dovresti mai dimenticare se vuoi ottenere successo.

Nel mondo del business non devi mai dimenticare che la tua attività esiste e prospera grazie ai clienti. Interessati ai loro bisogni, risolvi i loro problemi, semplifica la loro vita, questo è il “basic” che non devi mai dimenticare.

La foto mostra un’applicazione pratica di quanto detto.

Uno dei fastidi principali vissuti da un cliente è quello di essere costantemente avvicinato da un addetto alla vendita quando non se ne ha bisogno, oppure, di girarsi per chiedere e non trovare nessuno.

Ti è mai capitato di vagare all’interno di un’attività commerciale alla ricerca di un aiuto e chiederti “Ma dove sono finiti?”.

Un’idea semplice ha risolto questo problema:

  • Vuoi aiuto? Cestino rosso
  • Non serve aiuto? Cestino nero

È il cliente a decidere e il personale saprà da chi è gradito un intervento di supporto all’acquisto.

Perché questo è importante?

Vediamolo in chiave BrainSet con i tre cervelli:

  • Una predominanza “rettile” ama scegliere in autonomia, la sua frase tipica è “Se mi serve, chiedo“, vuole una disposizione semplice e immediata della merce che sia facile da trovare
  • Una predominanza “neurocorteccia” legge la scheda tecnica e si sarà già informata prima di entrare in negozio, cerca informazioni chiare e dettagliate
  • Una predominanza “limbica” cerca la relazione, ama chiedere ed essere ascoltato, meglio ancora se il commesso gli dà attenzione senza una richiesta diretta

Ricorda che l’azione vincente è: “Tratta gli altri per come loro vogliono essere trattati!”.

Una gestione del cliente unica, significa non considerare le diversità comportamentali dei tuoi clienti… questo è un grave errore sulle basi del business.

L'articolo Back To Basic: Il Potere delle Idee Semplici proviene da Alessandro Vella.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog