Magazine Lifestyle

Barbie the icon

Creato il 07 aprile 2016 da Patriziafinuccigallo

Barbie. The Icon

Barbie The Icon arriva a Roma al Complesso del Vittoriano: dal 15 aprile al 30 ottobre la mostra, curata da Massimiliano Cappella e prodotta da Arthemisia Group e 24 ORE Cultura in collaborazione con Mattel, si è arricchita di nuovi prestiti dalla serie Barbie Fashionista, tra cui i modelli Curvy, Tall e Petit, che riproducono le diverse corporature femminili, e le wedding dolls della Coppia Reale inglese William e Catherine.

La Barbie, è molto più di una semplice bambola. È un'icona globale, che in 56 anni di vita è riuscita ad abbattere ogni frontiera linguistica, culturale, sociale, antropologica. E, durante l'evento romano, racconta l'incredibile vita di questo personaggio che si è fatta interprete delle trasformazioni estetiche e culturali della società lungo oltre mezzo secolo di storia resistendo allo scorrere degli anni e rappresentando oltre 50 diverse nazionalità.

In esposizione dunque 380 Barbie, dalla prima risalente al 1959 fino a quelle più attuali e modaiole. Un percorso espositivo studiato per offrire diversi livelli di lettura: dalle informazioni di approfondimento storico e culturale per il pubblico adulto, fino alle postazioni pensate per divertire i bambini che, attraverso una serie di attività coinvolgenti, potranno approfondire la storia di Barbie. Un percorso lungo e coinvolgente che ha inizio al New York International Toy Fair il 9 marzo del 1959. Da allora Barbie ha intrapreso mille diverse professioni, è andata sulla luna, è diventata ambasciatrice Unicef e ha indossato un miliardo di abiti per 980 milioni di metri di stoffa. È diventata, e lo è ancora, una vera e propria icona.

BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON
BARBIE THE ICON

Photo Courtesy: Ufficio Stampa Arthemisia Group


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :