Magazine I nostri amici animali

"Basta con Via Lavinio!". Il Comitato Animalista Roma chiede che finalmente la violenza di decenni abbia fine

Da Brinarosa


Sicuramente tutti ricorderanno la triste vicenda della serial killer dei gatti, che da anni imperversa a Roma, facendo sparire animali di varie specie. Ha iniziato con i cani, poi ha proseguito con gli uccellini ed i conigli e adesso è la volta dei gatti.Di lei si è detto tanto, tutto, a volte anche troppo. Di lei, ormai, coloro che si muovono nel mondo animalista conoscono anche nome e cognome, oltre all'indirizzo, eppure questa vicenda non sembra riuscire a trovare la parola fine.Come un incubo, infatti, ogni tanto le sparizioni riprendono e il mondo animalista scende in piazza, coinvolge servizi sociali e sanitari, cerca di fare ogni cosa in suo possesso, ma nulla lei sta sempre là! Intoccabile, inviolabile, tanto che a tratti mi viene anche da chiedermi se davvero questa donna esista o se sia solo un incubo, modello Freddy Krueger che nel corso della mia infanzia imperversava negli infiniti Nightmare cinematografici.Eppure questa donna c'è. Lo testimoniano i poveri animali sopravvissuti e tratti in salvo dal suo appartamento. Lo raccontano i cadaveri mummificati rinvenuti nella sua abitazione. Certamente esiste e la scia di dolore e di morte, che lascia al suo passaggio, sono pressoché indelebili.Ecco perché il Comitato Animalista Roma, nato da pochi giorni raccogliendo le adesione di numerose e crescenti associazioni romane proprio allo scopo di battersi insieme per gli animali e l'ambiente,  ha deciso di far sentire la sua voce e ha scritto una lettera alla Sindaca Virginia Raggi, perché qualcosa finalmente cambi e si trovi una soluzione.Queste le richieste e il testo integrale della lettera:"COMITATO ANIMALISTA ROMAAlla Sindaca di Roma Virginia Raggi mezzo PECc.c Pres. Mun. VII Monica Lozzimezzo PEC

OGGETTO: Richiesta di emissione di una ORDINANZA SINDACALE DI DIVIETO DI DETENZIONE E POSSESSO DI ANIMALI per i fatti noti di VIA LAVINIOSpettabile Sindaca Raggi,le associazioni, i movimenti, i comitati o le singole persone elencate in calce alla presente, riunite tutte in un unico Comitato Animalista Roma allo scopo di tutelare il benessere degli animali e dell’ambiente, con la presente le richiedono formalmente quanto segue.Premesso che:con la presente richiediamo un incontro per approfondire le problematiche sopra descritte con una nostra delegazione (recapito mail è: [email protected]);Considerato che:
Tutto ciò premesso e considerato:Il Comitato Animalista Roma richiede formalmente alla Sindaca di Roma l’emissione a carico del Soggetto di un’ ORDINANZA SINDACALE DI DIVIETO DI  DETENZIONE E POSSESSO DI ANIMALI.In difetto saremo costretti nel termine di 30 giorni dal ricevimento della presente ad interessare della vicenda il Prefetto perché intervenga con i suoi poteri sostitutivi urgenti.Roma 3 maggio 2018".Parole ferme e chiare, che non lasciano adito ad errori di interpretazione, perché il tempo dei tentennamenti è, ormai, finito e il Comitato Animalista Roma, al cui interno sono presenti tantissime realtà sociali, che si occupano proprio dei nostri piccoli amici a quattro zampe, chiede con decisione, che qualcosa cambi.Non è più il tempo delle riflessioni, né quello dei rimandi. Questa donna va fermata e la Sindaca, nella sue veste ufficiale (ma anche in quella di essere umano!) deve prendere una posizione e mettere fine al rimpallo di responsabilità e di vuoti amministrativi, che da anni consentono a questa donna di fare ciò che vuole, mentre il resto del mondo assiste legato ed imbavagliato da infiniti cavilli burocratici. Ora si attende una risposta. Risposta che se non arriverà entro massimo 30 giorni attiverà ulteriori conseguenze, con il ricorso al Prefetto, affinché questa persona non possa più detenere animali.La vita è una cosa seria, non importa quale forma assuma e ben lo sa il Comitato Animalista Roma, come testimonia questa lettera e, soprattutto, le firme delle diverse associazioni, che finalmente insieme dicono all’unanimità BASTA VIOLENZA.

  




Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog