Magazine Politica

Battaglie sui cavalli delle giostre

Creato il 23 dicembre 2017 da Albertocapece

Battaglie sui cavalli delle giostreIl 2017 sta lasciando lentamente il posto al 2018, anno nel quale si potrà celebrare il decennale della crisi, sapete di quella che sarebbe passata secondo la narrazione ufficiale, ma che noi sappiamo non essersene andata mai nonostante il mormorio continuo e fastidioso delle manipolazioni di ogni tipo, delle balle a colori e della retorica più sciocca. Anzi è peggiorata perché anno dopo anno le conseguenze si sommano le une alle altre, i vari livelli di declino si saldano provocando nuovi problemi e nuove cadute, mentre la mancanza a livello globale di correttivi alla tracotanza finanziaria sta  portando alle medesime situazioni che portarono all’esplosione della bolla.

Ci si aspetterebbe che dopo un decennio nel quale i diritti del lavoro sono stati cancellati, la precarietà è diventata la normalità, lo stato sociale è stato scardinato e il Paese è in preda a un vero e proprio sfaldamento, vi fosse qualche lucida analisi se non altro in quelle parti di società che ama definirsi progressista, ma evidentemente di guarda bene dall’esserlo davvero. Invece incredibilmente si sentono da quelle parti sempre gli stessi discorsi: l’altraEeuropa, persino l’altro euro, come bambini che non si stancano dei loro balocchi o che temono, abbandonandoli, di privarsi di un comodo alibi che consente loro di essere soldatini del neoliberismo indossando però abiti civili, per così dire.

Possibile che non si riconosca come questa Ue, i trattati capestro che ne segnano il cammino e l’euro sono parte di una medesima logica messa a punto a Maastricht e che nulla può essere cambiato all’interno di questo sistema monetario  economico che appunto secca le fonti stesse di ogni possibile variazione sul tema? Si certo che è possibile, dopo tutto siamo in un Paese nel quale uno dei maggiori giornali di questa area suggerisce al Pd di non candidare la Boschi alle elezioni, per “salvare il salvabile” ma nemmeno si sogna di chiederne le dimissioni dall’esecutivo. E’ possibile, certo ma non è tollerabile. Tanto più che disperando di poter avere ancora una qualche credibilità i più ottusi e i più falsi chiedono gli Stati Uniti d’Europa come panacea di tutti mali, pensando di aver pronunciato l’abracadabra che obbliga il coniglio ad uscire dal cilindro.

In realtà, come ognuno può verificare se appena si liberasse dalle stampelle dei luoghi comuni e avesse un qualche trasporto verso i fatti e non le chiacchiere, le obbligazioni a cui sono tenuti i singoli Paesi in rapporto all’Unione sono già ora  uguali o addirittura più stringenti di quelli che legano gli stati  o le regioni nelle più acclamate nazioni federali, come ad esempio gli Usa o la Germania: la Ue è già un superstato federale rispetto ai vincoli che impone anche se è ancora un branco di iene rispetto a qualsiasi tipo di solidarietà, semplicemente perché i termini che segnano l’unione non la possono ontologicamente contemplare. E poi per carità basta con questa storia che l’unione avrebbe evitato le guerre, ultimo altarino della mancanza di argomenti: intanto perché durante il periodo di maggior espansione dello spirito nazionale e dei nazionalismi l’Europa ha goduto di quasi un cinquantennio di pace e soprattutto perché è una sgradevole e totale menzogna visto la Ue, ha partecipato, sotto forma di Nato o in proprio ad almeno 6 guerre, in Irak, Jugoslavia, Afganistan, Libia, Siria, alcune delle quali scientemente provocate, per non parlare delle decine di partecipazioni più o meno coperte coperte a conflitti, stragi, stermini, golpe voluti per ragioni di geopolitica e/o di rapina. Guerre fatte fuori esattamente come nel precedente lungo periodo di pace quando ci si scornava nelle colonie.

Purtroppo si tratta di inesplicabili malattie della sinistra, perché anche chi riconosce l’insieme di queste cose, invece di battersi per farle emergere alla consapevolezza ne deduce che se non si vogliono capire tanto vale nemmeno dirle e tantomeno farci eventualmente campagne elettorali, Proprio in questi giorni è comparso un articolo di Riccardo Achilli che dice: “emerge una chiara riluttanza da parte della base (di sinistra ndr) ad affrontare con chiarezza la possibilità concreta di una fuoriuscita  dalla moneta unica. Solo il 17% degli intervistati ha risposto che occorre uscire dall’euro senza se e senza ma. Quasi il 70% chiede, invece, un cambiamento di politiche economiche dentro l’euro (impossibile ovviamente, per ottenerlo ci vorrebbe eventualmente una nuova divisa con nuovi trattati ndr)… I motivi sono in fondo semplici da capire: un Paese demograficamente anziano è riluttante ai grandi sconvolgimenti e preferisce approcci più riformisti, il battage mediatico continuo sull’ineluttabilità dell’euro fa temere catastrofi immani in caso di suo abbandono, un maldigerito concetto di internazionalismo proletario  male assemblato insieme a bislacche concezioni su presunte correlazioni fra patriottismo, fascismo e guerra, hanno obnubilato ogni capacità di approfondimento intellettuale, anche fra i migliori.” Bene detto questo la conclusione è che a sinistra si deve abbandonare il tema dell’euro perché non incontrerebbe il consenso necessario e perderebbe l’ “elettorato potenziale”. Che naturalmente è solo potenziale finché non si recita nulla di diverso dal messale neoliberista.

E siccome la macchina dell’informazione e comunicazione crea il consenso o quantomeno la rassegnazione, allora tanto vale lasciar stare, rinunciare fin da subito alla battaglia forse per fare scaramucce di nessuna importanza teorica e tanto meno pratica. Per fortuna non lo farà la storia, migrata ormai altrove, che travolgerà sia le menzogne dei padroni del vapore e delle loro ciurme che i falsi sillogismi di chi ama le nicchie o magari pensa che le battaglie si facciano in sella ai cavallini delle giostre.

Annunci &b; &b;

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines