Magazine Lifestyle

BINF Fashion Show // Scoprendo i designer emergenti alla Milano Fashion Week

Creato il 08 ottobre 2018 da Feh @FehGnee

🇮🇹Durante la settimana della Milano Fashion Week ho avuto il piacere di assistere alla sfilata di sei designer emergenti, dallo stile molto diverso ma con proposte tutte super interessanti. Vediamo insieme queste collezioni di scarpe, abiti sportivi, vestiti eleganti, tessuti ricercati e accessori unici. Ecco a voi il BINF Fashion Show del 23 settembre 2018, presso il Nyx Hotel.

🇬🇧During Milan Fashion Week I gladly attended a special fashion show involving six emergent designers, six different attitudes but all very interesting proposals. Let's re-watch together these collections made of shoes, sporty clothes, elegant dresses, luxury textiles, unique accessories. Here BINF Runway from 23rd September 2018, at Nyx Hotel.

BINF Fashion Show // Scoprendo i designer emergenti alla Milano Fashion Week

🇮🇹Cludia Bruschini, Veronicka, eVaM, Paolo Venier, Ludovica MissoHaif Anggy sono i nomi degli stilisti emergenti che hanno portato le loro collezioni presso il Nyx Hotel di Milano, albergo di design vicino alla Stazione Centrale, in occasione della Milano Fashion Week.In chiusura della settimana della moda milanese, il 23 settembre 2018, tutti hanno presentato proposte dall'anima differente all'evento "Business in Fashion". Vediamo insieme in dettaglio tessuti, ispirazioni, storia dei fashion designer per la loro Primavera/Estate 2019 (che ho avuto il piacere di vedere da vicino già nel backstage).


🇬🇧Cludia Bruschini, Veronicka, eVaM, Paolo Venier, Ludovica MissoHaif Anggy are the names of the emerging designer who brought their collection to Nyx Hotel in Milan, a design hotel near the Central Station, for last Milan Fashion Week.
At the end of the iconic fashion week, on 23rd September 2018, each of them has proposed collections with different inspirations for the "Business in Fashion" event. Let's see together the details, the textiles, the history behind all these fashion designers for their Spring/Summer 2019 (which I had the pleasure to see closer already in the backstage).

BINF Fashion Show // Scoprendo i designer emergenti alla Milano Fashion Week
PAOLO VENIER🇮🇹Giovane brand italiano di streetwear che nasce nel 2016 grazie ad un ragazzo abruzzese, incentrato inizialmente sulle t-shirt. La lavorazione avviene con tessuti 100% organici, serigrafie su cotone (jersey e felpa). Questa collezione nasce con una prospettiva sui trend delle grandi metropoli ma volendo anche uscire dagli schemi, giocando sul tema delle personale ricerca della propria identità.
Devo dire che ho apprezzato molto lo stile ben definito, urbano ma facilmente abbinabile anche ad accessori più eleganti.
🇬🇧A young Italian streetwear brand born in 2016 thanks to a guy from Abruzzo, first focused on t-shirts. The craft takes place with 100% organic fabrics, silk-screen printing on cotton (jersey and fleece). This collection was born with a perspective on the trends of big cities but also thinking outside the box, playing on the theme of personal research towards our identity.I've honestly appreciated the well-defined style, urban but easily matchable with more elegant accessories.LUDOVICA MISSO
🇮🇹Designer romana, formata allo IED di Roma e poi lanciata a Londra poi in giro per l'Italia concentrandosi sull'alta sartoria, sulla modellistica e il ricamo. Una passione legata al proprio sangue, trasmessa dalla bisononna, proprietaria di un Aterlier a Tripoli (Libia) presso la corte di Italo Balbo; e che poi si sviluppa con i viaggi, in particolare a Marrakesh. Ciò traspare sicuramente dalla scelta di stampe, texture e colori.L'uso dell'artigianalità per vestire una donna sensuale, femminile, sognatrice ma che sa giocare con forme tradizionalmente maschili, tirando fuori un'anima decisa e orgogliosa, che applica a tagli netti tessuti invece morbidi.
Ci è stato regalato un foulard/cravattina di seta e devo dire che è di un gusto unico. Materiale e stampa ad alti livelli.
🇬🇧Roman designer, graduated at the IED in Rome and then intern in London then around Italy focusing on high tailoring, modeling and embroidery. A passion linked to her own blood, transmitted by her great-grandmother , owner of an Aterlier in Tripoli (Libya) at the court of Italo Balbo; and then developed traveling, particularly in Marrakech. This is clear focusing on her choice of prints, textures and colors. A craftsmanship vision aimed to dress a sensual and feminine woman, a dreamer who knows how to play with traditionally menswear shapes, showing a strong and proud soul, which applies to soft but soft cuts.We were given a silk scarf / tie and I must say that it has unique taste. Material and printing are at high levels.EVA M🇮🇹Il nome del brand fa riferimento alla prima donna, Eva, evocando una bellezza innata assieme all'unicità. Ciò si unisce, in questa collezione, all'ispirazione data dai movimenti per la danza. I tessuti, seta e cotone, sono scelti in colorazioni naturali: cipria, bianco, écru abbinati a verde e ottanio. Tutto impreziosito dai dettagli, ricami in tulle e fiori di georgette che creano punti luce ricercati.
Lo scopo è ricercare una certa raffinatezza senza doversi omologare. Un'impressione che mi è molto arrivata negli abbinamenti dei vari outfit.
🇬🇧The brand's name refers to the first woman, Eva, reminding to the concepts of innate beauty and uniqueness. In this collection this is connected with the inspiration given by dance movements. The fabrics, silk and cotton, are chosen in natural colors: powder, white, écru combined with green and petrol blue. All embellished with special details, embroideriy in tulle and georgette flowers that create refined light points.The aim is reaching elegance avoiding homologation. It's been clear to me thanks to the combinations of the pieces of every outfit.CLAUDIA BRUSCHINI COUTURE
🇮🇹Questo brand nasce da una ragazza intraprendente e cresciuta nello stesso mondo della moda. Avendo fatto tesoro degli insegnamenti di famiglia, decide di creare una collezione di scarpe che è il risultato di un ambiente di studi internazionale, tra Europa e Stati Uniti, tra istituti di Moda e di Spettacolo.Si vede nei modelli di scarpe proposte, tutte molto eleganti, una ricerca molto glam🇬🇧This brand was born from an enterprising girl who grew up in the same fashion world. Learned from family teachings, she decided to think of a shoes collection which is the result of international studies, between Europe and the United States, between Fashion and Art Institutes.It's clear in the shoes of the collection, all very refined and elegant, with a glam attitude.VERONICKA🇮🇹Una delle ispirazioni che più mi ha colpita per questa designer, che per la sua collezione guarda opere di Yayoi Kusama come “Pumpkin (1999) e “Cosmic Space HPPX” (2010), affiancate al al surrealismo di Joan Mirò e alle visioni di Federico Herrero, creando un mondo immaginario un po' naif e un po' unico.Elemento predominante sono le forme geometriche: cerchi, rettangoli, quadrati e triangoli (e non vedo l'ora di indossare l'accessorio per scarpe regalato alla fine della sfilata). Quindi forme angolate unite a materiali morbidi, di colori accesi (tutto made in Italy, anche gli accessori artigianali.
Devo dire che mi sarebbe piaciuto anche assistere alla sua sfilata del 2012 per Fashion at IUAV, peccato che io sia arrivata a Venezia nella stessa università l'anno successivo. In questo caso la collezione era “SNAKE”, basata sulla scomposizione del concetto di borsa e dal suo successivo riassemblaggio tramite il velcro.
Già non vedo l'ora di vedere le prossime proposte, sinceramente!
🇬🇧One of the inspirations that impressed me more is recalled by this designer, who for his collection looks works by Yayoi Kusama as "Pumpkin" (1999) and "Cosmic Space HPPX"(2010), alongside Joan Mirò's surrealism and Federico Herrero's visions, creating an imaginary world a little naive and a bit unique. Predominant elements are the geometric shapes: circles, rectangles, squares and triangles (and I cannot wait to wear the shoe accessory given at the end of the show). So, angled forms combined with soft materials and bright colors (all made in Italy, even the craft accessories). I must say that I would also like to attend his 2012 fashion show for Fashion at IUAV, unfortunate that I arrived in Venice at the same university the following year. In this case the collection was "SNAKE", based on the decomposition of the bag concept and its subsequent reassembly using velcro.Already looking forward to seeing the next proposals!HAIF ANGGY🇮🇹Con lui la sfilata si conclude col botto: teatralità ed eleganza, tradizione e contemporaneità. La collezione "RED CIRCLE" colpisce per la cura del dettaglio, in particolare per quanto riguarda le vistose collane, vere opere d'arte. Evidenti le fusioni culturali, la ricerca di un "lusso ancestrale" tramite simboli di gioia e sole, colori sgargianti, abiti dal taglio contemporaneo. Anche l'uso dei materiali è davvero vario:  cotone, seta, lana, cashmere, pelle, corteccia, rafia, liane sono solo alcuni. Tutto però in ottica  eco-responsabile ed ecologica.I vestiti sono di tutte le lunghezze e per tutti i tipi di donne, esaltando diverse tipologie di incarnato. Non penso ci potesse essere finale migliore. Già dal backstage mi ero innamorata delle collana e dagli accessori, che guardavo con occhi a cuoricino.🇬🇧Thanks to him, the show ends with a bang: theatricality and elegance, tradition and modernity. The "RED CIRCLE" collection impresses with its attention to details, especially with regard to the striking necklaces, true works of art. Cultural fusions are evident, as the research towards an "ancestral luxury" through symbols of joy and sun, bright colors, contemporary cut dresses. Even the use of materials is really varied: cotton, silk, wool, cashmere, leather, bark, raffia, lianas are just a few. All, however, in an eco-responsible and ecological perspective. The clothes are of all lengths and for all kinds of women, enhancing different skin tones. I think there couldn't be a better ending. Already from the backstage I had fallen in love with these necklaces and accessories, which I looked at with sparkles in my eyes.
BINF Fashion Show // Scoprendo i designer emergenti alla Milano Fashion Week
 
BINF Fashion Show // Scoprendo i designer emergenti alla Milano Fashion Week
🇮🇹Ah, ovviamente vi lascio anche il mio outfit della serata, che si è conclusa con un ricco buffet.
Fatemi sapere quali di queste collezioni rientra più nel vostro stile, cosa avete apprezzato e cosa invece non è tanto nelle vostre corde!
🇬🇧Ah, I obviously attach you also my outfit for the event, which ended with a fab buffet.
Let me know which collection you enjoyed more, according to your style, what is a top and what a flop for you!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog