Magazine Politica

Bitcoin Code: la truffa che sfrutta il nome di Elon Musk

Creato il 04 aprile 2018 da Jele
La truffa Bitcoin Code non conosce vergogna. Bitcoin Code: la truffa che sfrutta il nome di Elon MuskNonostante le numerose segnalazioni che avvisano gli utenti internet di non cadere nella truffa del programma automatico di profitti Bitcoin Code, il loro sito è attivo più che mai. Si sono moltiplicate le pubblicità a pagamento sui social come Facebook e Instagram, in cui si dice che Elon Musk avrebbe addirittura investito 550 milioni di dollari per sviluppare ulteriormente la loro piattaforma, e che sarebbe ormai pronto a lasciare la guida di Tesla e Space x per lavorare a tempo pieno su questa nuova visionaria iniziativa. Chi se ne frega del progetto di mandare la gente su Marte, o di avere una macchina Tesla in orbita, che trasmette in streaming dallo spazio! Elon ci vede lungo, Elon investe in Bitcoin Code. Davvero? Ma per favore!Lo scopo di Stefano Savarese, volto italiano del Bitcoin Code? Ridistribuire la ricchezza mondiale, togliere dalle mani avide dei multi milionari il denaro in eccesso e darlo ai poveri investitori, che con un deposito iniziale di appena 250 $ potranno vedere il loro capitale raggiungere quote astronomiche in pochi giorni. 
Bitcoin Code: la truffa che sfrutta il nome di Elon Musk
13 mila euro sono garantiti in 24 ore. Sissignori, garantiti. Basta iscriversi, inviare il proprio deposito ed aspettare che dei bot super sofisticati facciano trading tra le centinaia di cripto valute. Si può stare comodamente seduti sul divano a guardare telefilm o la Vita in diretta, mentre i proprio soldi lievitano meglio di un dolce farcito di Pane Angeli!In realtà, una volta inviato il denaro, la dashboard con i dati del proprio conto verrà gonfiata in maniera fittizia, dando l'illusione di aver guadagnato davvero! Entusiasmo, perepepè e stappare subito una bottiglia di champagne, o di barolo della Lidl se non si ha niente di meglio sottomano. In fondo il Bitcoin code è stato creato per la gente comune, che non sa assolutamente niente di investimenti e cripto valute, e che generalmente si affida ai consigli della De Filippi o della Prova del Cuoco per fare la spesa o gestire le problematiche della vita quotidiana. A quel punto, convinti di aver un bel gruzzoletto da riscuotere, si chiede il trasferimento della cifra guadagnata dalla piattaforma al contocorrente . E qui casca l'asino. Transazione non abilitata. Problemi di connessione. Telefonate dal broker con sede in Albania o Bulgaria che dice: no, siamo spiacenti, al momento non può ritirare il suo denaro. Serve un certo numero di transazioni, il sistema è sovraccarico e la rava e la fava.Morale: soldi persi.Inutile fare denuncia alla Polizia postale o cercare di richiedere indietro la transazione al proprio provider di carta di credito o alla banca in caso di bonifico. I soldi saranno già in qualche paradiso fiscale con il finto Savarese in costume e ciabatte a bere Pina Colada sparapanzato su una spiaggia di sabbia purissima, mentre il truffato rosica e si imbottisce di gaviscon e xanax, a seconda dell'ammontare di soldi buttati.Anche solo registrarsi al sito senza depositare nulla si trasforma in un incubo: i call center di Bitcoin Code non mollano l'osso facilmente e perseguitano le persone con decine di telefonate per indurle ad investire. Non si riesce nemmeno a cancellare l'account.E se si dà anche solo un'occhiata alla pagina e poi si esce senza registrarti compare un bel pop up minaccioso in cui si dice: ehi, sei un cretino, hai fatto l'errore più grande della tua vita. Povero idiota, potevi far piangere di invidia Zio Paperone e invece te ne vai così, con le tasche bucate piene di tarli. OK, le parole non sono proprio testuali, ma il concetto è quello.Bitcoin Code: la truffa che sfrutta il nome di Elon Musk
Morale della favola: le truffe sono sempre dietro l'angolo e la fama di Bitcoin induce molti sprovveduti a sognare i soldi facili. Ma il mercato delle cripto valute non è per tutti e di certo non è un generatore automatico di profitti.Uomo avvisato, mezzo salvato!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog