Magazine Libri

Bookchiacchierando e Le case dei libri #28: Read More India (un road trip da 4mila libri)

Creato il 02 aprile 2016 da Coilibriinparadiso @daliciampa

Oggi vi racconto di nuovo una storia che però parla anche di una libreria.
Ne approfitto per presentarvi anche le nuove immagini che ho realizzato per le rubriche, insieme a una nuova grafica che spero vi piaccia❤

Bookchiacchierando e Le case dei libri #28: Read More India (un road trip da 4mila libri)

Bookchiacchierando e Le case dei libri #28: Read More India (un road trip da 4mila libri)

Akshaya Ravtary e Satabdi Mishra sono i proprietari di una libreria molto particolare: Dicono che leggere apre le menti e permette di apprezzare pensieri diversi dai propri: è esattamenteForse può sembrare distante dal nostro stile di vita, il non potersi permettere un oggetto tanto semplice quanto lo è un libro, ma in molti paesi la non lettura è l'ultimo dei problemi, almeno apparentemente, e il motivo di fondo non è solo una mentalità errata (come qui da noi, dove pochi leggono), Read More India, un mini van con il quale hanno deciso di percorrere 10mila chilometri verso il sud dell'India. Sono partiti nel Dicembre 2015 dalla città di Bhubaneswar in uno stato dell'est, Orissa. Hanno raccontato la loro storia alla Bbc nella sedicesima tappa del loro viaggio, nello stato Uttar Pradesh. L'obiettivo è raggiungere le venti tappe totali, quindi il viaggio è quasi terminato. I due si considerano in missione, per promuovere la lettura in India, soprattutto nei luoghi più poveri e lontani, dove in pochi leggono. Ciò che fanno è proporre prezzi

Bookchiacchierando e Le case dei libri #28: Read More India (un road trip da 4mila libri)
molto bassi, stabilire il loro mini van in luoghi pubblici e frequentati, come stazioni, fermate degli autobus e parlare con le persone a proposito della lettura e dei libri.
Non è la prima volta che tentano qualcosa del genere: già nel 2014 avevano fatto la stessa cosa nello stato di Orissa, e i risultati erano stati stupefacenti. Fino ad ora hanno venduto circa 2000 libri, rifornendo la lor
o scorta nelle grandi città e trasportandone circa 4000 alla volta.
Nel momento in cui si fermano, invitano le persone non solo a comprare, ma anche a prendere libri in prestito, o a restare nello spazio che allestiscono per leggere un libro, senza dover pagare nulla. di questo che l'India ha bisogno, con i mille problemi di intolleranza che si porta dietro. Purtroppo non c'è una sufficiente cultura del libro di base, a cui siaggiungono prezzi in costante aumento che ostacolano le libreria indipendenti e rendono i libri inaccessibili a una grande fetta di popolazione. Nel loro viaggio hanno trovato più e più piccole città senza neanche una libreria, senza contare che molte persone povere si sentono quasi intim
Bookchiacchierando e Le case dei libri #28: Read More India (un road trip da 4mila libri)
idite dai grandi centri commerciali. Ecco perché nella libreria ambulante i prezzi sono scontati del 30% durante tutto l'anno, cosa possibile grazie al fatto che il negozio ha poche spese. Oltre a ciò, le lingue parlate in India sono moltissime, e variano da regione a regione, così Akshaya e Satabdi cercano sempre di avere una vasta scelta di titoli in lingua regionale, oltre a quelli in inglese.
Raccontano di quanto sia stato bello ed emozionante incontrare centinaia di lettori, scrittori, persone lontane dalla lettura, insegnanti... ma una situazione economica impossibile, dove il lusso è di pochi.
È importante rendersi conto di quanto sia importante all'interno di una società leggere, avere una cultura del libro, non tanto come oggetto, ma come simbolo di letteratura, cultura, empatia e arricchimento personale e collettivo. Vedendola in questo modo, un'idea semplice come quella di distribuire libri, facilitandone la diffusione, assume un'importanza estrema.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :