Magazine Cultura

Brandon Sanderson, Elantris: lo Shaod

Creato il 26 febbraio 2020 da Martinaframmartino

Brandon Sanderson, Elantris: lo ShaodSiamo all'inizio di Elantris di Brandon Sanderson. Elantris, un tempo ritenuta la città degli dei, è ora ritenuta una città maledetta, dove vivono persone che potremmo paragonare a degli appestati, anche se non è ben chiaro come si diffonda la maledizione che li ha colpiti...

[...] Il cancello della città di Elantris si chiuse con un boato dietro di lui, un suono che dava una sconvolgente sensazione di definitività. Raoden si afflosciò contro di esso, frastornato dagli eventi della giornata.
Era come se i suoi ricordi appartenessero a un'altra persona. Suo padre, re Iadon, non aveva incontrato lo sguardo di Raoden mentre ordinava ai sacerdoti di preparare suo figlio e di gettarlo dentro Elantris. Era stato fatto in modo rapido e discreto; Iadon non poteva permettersi che si sapesse che il principe ereditario era un Elantriano. Dieci anni fa, lo Shaod avrebbe reso Raoden un dio. Ora, invece di tramutare le persone in divinità dalla pelle argentea, le trasformava in mostruosità nauseabonde.
Raoden scosse il capo dall'incredulità. Lo Shaod era qualcosa che accadeva ad altre persone... persone distanti. Persone che meritavano di essere maledette. Non al principe ereditario di Arelon. Non a Raoden.
La città di Elantris si estendeva davanti a lui. Le alte mura erano intervallate da corpi di guardia e soldati, uomini che avevano lo scopo non di impedire a dei nemici di entrare nella città, ma di evitare che i suoi abitanti fuggissero. Fin dal Reod, ogni persona colpita dallo Shaod era stata gettata dentro Elantris a marcire; la città caduta era diventata una vasta tomba per coloro i cui corpi si erano dimenticati come morire.
Raoden riusciva a ricordare di essersi trovato su quelle mura, guardando giù verso i terrificanti abitanti di Elantris, proprio come in quel momento le guardie osservavano lui. Allora la città era sembrata così distante, anche se lui si era trovato appena al di fuori di essa. Si era domandato a livello filosofico come sarebbe stato camminare per quelle strade annerite.
Ora l'avrebbe scoperto.

Questa voce è stata pubblicata in Brandon Sanderson, citazioni e contrassegnata con Brandon Sanderson. Contrassegna il permalink.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog