Magazine Africa

Brasile:Salesiani in Amazzonia (esperienze e prospettive)

Creato il 07 novembre 2018 da Marianna06

Risultati immagini per popoli dell'amazzonia

Partendo dal Documento preparatorio del Sinodo per l’Amazzonia, presentato dal salesiano indigeno Justino Sarmento Rezendo, un centinaio di Salesiani di Don Bosco (SDB) e Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA), si sono riuniti a Manaus dal 1° al 4 novembre, per esaminare il lavoro svolto nei diversi paesi dell'Amazzonia dalla famiglia salesiana da più di cento anni, indicando possibili percorsi per la Congregazione, per il Sinodo e per la Chiesa intera.
I Salesiani sono una congregazione missionaria, sottolinea all’Agenzia Fides padre Juan Bottasso, missionario in Ecuador da 59 anni, una missione che è sempre stata segnata dalla situazione sociale, soprattutto al momento attuale, in cui la violenza si è installata nella regione, come conseguenza dei conflitti derivanti dallo sfruttamento della zona da parte di grandi multinazionali, secondo José Juncosa, Vice-Rettore dell'Università Politecnica Salesiana dell'Ecuador.
Nella dinamica sinodale, è importante conoscere le esperienze ecclesiali che si portano avanti in Amazzonia e che possono aiutare a trovare nuove strade per la Chiesa, evidenzia a Fides don Diego Clavijo, che lavora con gli indigeni Achuar in Perù da 18 anni. I ministeri, molto presenti nella vita ecclesiale di questo popolo, contribuiscono a creare quella Chiesa con un volto amazzonico e un volto indigeno che Papa Francesco chiede. 
L'incontro di Manaus è servito ad elaborare proposte che possano aiutare la missione salesiana in Amazzonia nel futuro, nonché la costruzione dei nuovi percorsi proposti dal Sinodo. Per quanto riguarda la congregazione salesiana, è stata ribadita la necessità di impegnarsi per la delimitazione delle terre indigene, di accompagnare la pastorale indigena nel contesto urbano, di curare la formazione delle vocazioni e dei ministeri indigeni, di favorire la diffusione della cultura indigena nelle lingue locali, per rendere concreta una Chiesa che ascolta e crea un progetto inculturato comune di pastorale giovanile.
Per quanto riguarda i temi che il Sinodo affronterà, la famiglia salesiana ritiene importante la promozione della ministerialità dei laici, e in particolare delle donne, che sono la maggioranza nella Chiesa amazzonica e devono essere più valorizzate e rese protagoniste. Quindi l’elaborazione di progetti missionari che orientino la pastorale; il catecumenato come percorso di processi formativi; l’elaborazione di un rito liturgico indio; la formazione di candidati indigeni al sacerdozio nella loro realtà, dando visibilità alla realtà amazzonica e alla creazione di un fondo economico per sostenere il lavoro missionario in Amazzonia. (Fonte Agenzia Fides)

 a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog