Magazine Società

Bratislava, capitale della slovacchia, cresce in maniera esponenziale. tutto per i turisti ma non per i slovacchi

Creato il 03 dicembre 2010 da Madyur

Bratislava è cambiata moltissimo. Chi è stato nella città vent’anni fa e oggi passeggia per le strade fa fatica ad orientarsi. Il centro storico , con i suoi edifici un tempo cadenti e scrostati , è stato ristrutturato con cura. La capitale slovacca è dominata dai colori tenui , e anche grazie alle sue dimensioni da città di provincia , attira molti investimenti dall’estero. Sulla riva meridionale del Danubio è stato riqualificato un enorme insediamento di caseggiati prefabbricati , costruiti al tempo dei comunisti nel quartiere di Petrzalka per cancellare dalla vecchia Presburgo, il nome austroungarico di Bratislava , ogni residuo borghese e feudale. Oggi il quartiere è molto di moda , anche perché gli appartamenti costano poco.

Bratislava z

La crescita rapidissima del settore edilizio ha trinato l’economia di tutta la Slovacchia. Dopo la rivoluzione del 1989 il paese ha vissuto anni turbolenti del capitalismo selvaggio , in cui non valevano più le vecchie regole e quelle nuove non erano state ancora stabilite. All’inizio degli anni Novanta gli investitori occidentali hanno fiutato la possibilità di fare giganteschi profitti , mentre nuovi imprenditori slovacchi , con l’appoggio di parte del mondo politico , erano impegnati a sostituire i potenti del vecchio regime e a promuovere la privatizzazione delle aziende statali e lo sviluppo di nuove attività economiche.

In questo periodo è stata cancellata la carica di urbanista comunale , ripristinata solo nel 2006 con la nomina di Slatcha, architetto del comune , e responsabile dello sviluppo urbanistico della capitale slovacca. Un anno dopo è stato avviato il piano regolatore cittadino messo a punto nel 1999. Nel frattempo nel paese si era cominciato a costruire molto , soprattutto chiese: ne sono sorte 500 dal nulla , quasi sempre poco interessanti dal punto di vista architettonico. Sono stati tirati su anche migliaia di appartamenti di lusso , molti rimasti invenduti.

Secondo Slatcha , oggi a Bratislava ci sono 6000 abitazioni esclusive ancora vuote , a cui si aggiungono 1,3 milioni di metri quadrati di locali per uffici mai occupati : un’offerta di immobili che supera di gran lunga la domanda in una città che ha poco più di 400 mila abitanti. Qualcuno voleva costruire grattacieli. Bratislava avrebbe dovuto ospitare un quartiere simile alla Défense parigina , ma il progetto è stato accantonato in seguito alla crisi.

La pressione dei costruttori è ancora forte. Secondo Slatcha il problema è “il costante conflitto tra le scelte dei politici e gli obiettivi di chi lavora nel settore edilizio. Pochi mesi fa è stato inaugurato Eurovea, un insieme di uffici , negozi, abitazioni poco lontano dalla città , realizzato sulle rive del Danubio dal gruppo irlandese Ballymore al costo di 450 milioni di euro. Oggi la zona è molto frequentata. Il 98,5% dei negozi ha trovato subito un locatario ( catene internazionali ) e anche i ristoranti e i caffè che si affacciano sul fiume sono sempre stracolmi.

Il gruppo J&T, una joint venture con la Repubblica Ceca , ha saputo sfruttare il fascino del grande fiume che attraversa Bratislava , costruendo sulle sue sponde , ai piedi del castello , il River Park , un altro esempio di architettura contemporanea . In questa zona si trovano abitazioni e uffici di pregio e un albergo del gruppo Kempinski , il secondo hotel a cinque stelle della città .

Il vero motore della crescita di Bratislava non è il turismo , settore poco sviluppato, ma l’arrivo di numerose aziende straniere, che favorisce l’afflusso in città di un gran numero di uomini d’affari. Gli investitori sono stati attirati dalle riforme economiche varate nel 2004, che ha promosso sgravi fiscali per le imprese. Quindi il paese ha deciso di lanciarsi a capofitto nel capitalismo. 

Per paesi come la Slovacchia , la formazione dei lavoratori è determinate. A Bratislava ha investito la Volkswagen , dove hanno uno stabilimento di 7500 operai. In Slovacchia hanno investito anche due altre grandi aziende , KIa e Peugeot-Citroen , facendo del paese una superpotenza dell’auto a livello mondiale. La fabbrica Volkswagen a Bratislava , nel 2005, aveva , tra tutte le filiali dell’azienda , i dipendenti più qualificati : il 52% del personale aveva un titolo di studio superiore o una laurea. Gli operai slovacchi sono tecnicamente preparati , precisi e pazienti , i loro stipendi sono relativamente bassi e nelle fabbriche locali gli scioperi sono una rarità.  Un operaio specializzato guadagna circa 700 euro , due terzi dei dipendenti ne prendono solo 500.

L’alto tasso di disoccupazione è uno dei problemi più urgenti da risolvere. Gli industriali sono convinti che sia indispensabile completare rapidamente l’autostrada tra la capitale e Kosice , nell’est del Paese , la cui costruzione negli ultimi tempi ha subito dei rallentamenti. Il mondo dell’economia spera che il nuovo governo , porti avanti le riforme , abbassi le tasse , risani il sistema sanitario e le pensioni , combatta la corruzione e introduca novità nei settori della giustizia e dell’istruzione.

Gli slovacchi sono convinti di trovarsi nel mezzo di una svolta epocale. Case per persone normali e stipendi bassi sono poche. Tra il 2002 2 il 2008 i prezzi al metro quadro si sono triplicate. Metà dei giovani ha dichiarato di voler cambiare città e un terzo di voler andare all’estero. Tutti sono convinti che Bratislava non deve crescere all’infinito.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog