Magazine Diario personale

Bright. Spoiler and Sugar Free

Creato il 24 dicembre 2017 da Johnny @Cornerhouseroma
Bright. Spoiler and Sugar Free

Ragassuoli, oggi e la vigilia di natale quindi grazie a tutti voi che in un giorno importante come questo avete dedicato un paio di minuti del vostro tempo a leggere la vostra webbettola appassionata e di fiducia che anche oggi vi sollazzerà lo spirito e la digestione (si spera, tipo Falqui -Basta la parola) con le sue amabili fregnacce.

Oggi parliamo di Bright, il primo film da cinematografo (quindi costoso) che Netflix ha prodotto, spinta del bruciore di stomaco causato dal recente acquisto di 21th Century Fox da parte della Disney la quale, è sempre più probabile che diventerà un spina nel cucù per tutti i servizi digitali.

La stesura di Bright è stata affidata a David Ayer ( Training Day e Suicide Squad, per dire) e Max Landis, i quali hanno conferzionato un particolare incrocio tra Bad Boys e Suicide Squad in pratica, Will Smith è rimasto sempre un bel maranza mentre Martin Lawrence si è, fate dire, lasciato un po' andare.

Il più grande merito di Bright è quello di creare un interessante "mondo moderno" il classico background dove la strana coppia di poliziotti dura a morire, dalla battuta sempre pronta e con una voglia inrefrenabile di sparare sempre qualche colpo svolgerà le sue indagini tra gang di quartiere e organizzazioni segrete.

Interessante perché questo mondo è in realtà un fantasy dove l'uomo con già tutti i suoi problemi raziali tra ispanici e neri deve vedersela tra altolocati Elfi della city e gangsta' Orchi che vivono nei quartieri poveri.

Insomma, ci sono delle grandi potenzialità anche per creare un brand e una serie a lungo termine in numero di film.

Peccato che... si peccato che nonostante il film si lasci guardare piacevolmente le sue maggiori caratteristiche non vengono sfruttate. Ayer ha prerito non uscire dal suo seminato, lavorando nella sua zona di confort, poggiando tutta la storia sul rapporto tra i due poliziotti che per l'occasione sono un umano e un orco. Se vi è piaciuto il genere di Bad Boys o di Training Day, vi sentirete a casa guardando il film. Will Smith ovunque lo metti funziona, e questo già lo si sapeva.

In ogni caso, ok, siamo di fronte al classico vorrei ma non posso, ma ancora una volta ti sei imbattuto nel mondo intelligente dell'internet che come se non ci fosse un domani, ha massacrato questo film additandolo come "il peggior film dell'anno" ma che davvero? Ancora una volta i gusti sono gusti ma, per te, ormai siamo davvero alla frutta.

A dirla tutta a te Bright è piaciuto anche più di Suicide Squad. Probabilmente Ayer non dovendo combattere contro pagine e pagine di background fumettistico è riuscito a non incampare scontentando i fan che hanno odiato il Joker di Leto, Deadshot Mickey Mouse e la svampitella Harley Queen. Certo eliminando trucco e parrucco stiamo guardando una copia piacevole di Bad Boys a cui manca l'audacia in regia di Michael Bay ma ci si può accontentare per aver messo da una parte e tolto dall'altra.

Sull'internet girano alcuni rumors che vogliono Netflix al lavoro sul seguito, che perché no, ci può stare anche per via del finale aperto (finale però un po' troppo alla volemose bene) speriamo solo che il solido background venga sfruttato meglio e che l'odio dell'internet la smetta una volta buona di ingrigire le persone.

Tanti auguri ragassuoli!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :