Magazine Lifestyle

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

Creato il 25 novembre 2019 da Morgatta @morgatta

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

Un tempo non esistevano più le mezze stagioni, adesso nemmeno le stagioni in senso stretto stanno più molto bene. Sono confuse. Si confondono. Si mescolano. E se loro fanno casino, immaginatevi il genere di confusione che generano in noi umani?!? Ecco, quel genere di confusione che ci ha fatto fare il cambio dell’armadio nonostante fuori ci siano ancora quei 16/18 gradi di giorno e 10/11 la sera. Quella che ci fa fare un gran casino con la lana ed il cotone, con i cappelli e gli smanicati, con le pance scoperte ma con il cappotto sopra. Insomma, non credo ci sia altra spiegazione plausibile in giro quando si vedono combinazioni che non fanno né caldo né freddo, in tutti i sensi…

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

La lana fa indubbiamente caldo. Uscire solo con calze e body di lana non so quanto possa essere efficace in termini di temperatura corporea. Sì, anche se il body è a manica lunga…

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

La regola aurea in questo caso è: poggio e buca fa pari. Altrimenti detto “un colpo al cerchio e uno alla botte“, questa tecnica è antica come il mondo. Da una parte la lana con uno scollo immenso per le prese d’aria in caso di calore e dall’altra gli shorts, così almeno le gambe rimangono al fresco e si sa che il fresco fa bene alla circolazione. La combinazione dovrebbe garantire caldo/freddo in dosi adeguate. (Se poi arriva il freddo vero il colpo della strega è garantito)

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

Non solo lana! Anche il piumino del letto singolo, se avvolto opportunamente in vita, può garantire una buona dose di calduccio, soprattutto per passeggiate all’aria aperta. In questo caso si possono evitare anche le calze, tanto il plaid basta 😉

Buccia di Banana/Quando non fa né caldo né freddo…

Il decolletè non va mai riposto. MAI! E’ stato sdoganato anche con le calze, ma fino a che il tempo non si è deciso, perché rovinare la scenografia? Quando hai maglione, giacca e cappotto di cachemire, il piede può anche rimanere nudo (ma non era tutto il contrario?). Se piove peggio, ma per lo stile questo ed altro!

Ecco, qui c’è chi mostra il contrario. Coscia nuda ci sta anche in autunno purché la scarpa sia pesante. Meglio un anfibio, uno stivale alto o anche uno peloso. In questo modo anche gli shorts o gli abiti corti possono prolungare la loro permanenza nell’armadio noncuranti del dettaglio che tra un mese è Natale. Azz…un mese O_o

Con le stagioni incerte e le temperature ballerine il vestirsi a cipolla (a strati) è la soluzione più intelligente ma non certo quella più stilosa. Perché per belle apparire un po’ bisogna osare, essere audaci ed infischiarsene del termometro. Dosare parti coperte e parti scoperte, pesantezze e materiali, prese d’aria e indumenti chiusi, è un’arte! Prendete ispirazione e scopritevi tutti…;)

Buon lunedì!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog