Magazine Cucina

Calamarata di piselli con spuma dei loro baccelli al profumo di lavanda

Da Cuocapaglia @cuocapaglia

CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDA
Andersen - La principessa sul pisello
C'era una volta un principe che voleva sposare una principessa, ma doveva trattarsi di una principessa vera! Perciò si mise a viaggiare in lungo e in largo per il mondo, ma ogni volta non riusciva a decidersi: principesse ce n'erano un po' dappertutto, ma erano principesse vere? Non si riusciva mai a saperlo con sicurezza: ogni volta sembrava mancare qualche cosa. Alla fine decise di tornare a casa sua, ma era pieno di tristezza per non essere riuscito a trovare una principessa vera. Una notte che c'era un tempo orribile, con fulmini, tuoni, e acqua a catinelle, qualcuno bussò alle porte della città, e il vecchio re andò ad aprire. Fuori dalle mura c'era una principessa: Dio mio, la pioggia e il brutto tempo l'avevano conciata proprio bene! L'acqua le picchiava sui capelli e sui vestiti, entrava nelle scarpe dalle punte e ne usciva dai tacchi: eppure lei sosteneva di essere una vera principessa. "Questo si vedrà", pensò la vecchia regina, ma non disse nulla: andò in camera, tolse il materasso dal letto e mise sul fondo un pisello; poi prese venti materassi e li mise sul pisello, e sopra i materassi mise ancora venti grossi cuscini di piume. Quella sera la principessa dormì lì. La mattina dopo le chiesero come aveva dormito. "Malissimo!", si lamentò la fanciulla, "non ho praticamente chiuso occhio per tutta la notte! Chissà cosa c'era in quel letto! Ero coricata su qualcosa di duro e mi sono fatta un enorme livido blu e marrone. È stato terribile!" Così capirono che era una principessa vera, perché aveva sentito il pisello attraverso venti materassi e venti grossi cuscini di piume. Solo una principessa poteva avere una pelle così sensibile! Così il principe la prese in sposa, convinto finalmente di avere incontrato una vera principessa, e il pisello andò a finire in un museo, dove, se nessuno è venuto a rubarlo, lo si può vedere ancora. E questa è una storia vera, sapete?Ma i tempi cambiano e con la crisi la regina si ritrova ad usare anche un baccello … così solo una vera principessa può riconoscere oltre al pisello anche il baccello che, in quanto piatto e liscio, turba meno i suoi sonni e provoca meno lividi!


Come caratteristica nutrizionale la più rilevante è che sono ricchissimi divitamina B1 - Tiamina.Questa vitamina, utile a combattere lo stress e gli effetti della menopausa è uno dei componenti di tutti i ricostituenti: bene 150 grammi di piselli freschi, non stracotti, garantiscono la rda di tiamina. Naturalmente il congelamento riduce le proprietà al 40% e l'inscatolamento al solo 16%... quindi approfittatene in primavera quando sono facilmente reperibili.

Come per tutte le verdure i principi nutritivi sono abbondanti anche nei baccelli, varrà quindi la pena di utilizzarli.CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDASPUMA DI BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDA
Dopo aver "curato" i piselli ripulite i baccelli dei filamenti in eccesso, mondateli e fateli saltare in un wok con pochissimo olio d'oliva e uno spicchio d'aglio in camicia (che dopo avrete l'accortezza di togliere). Aggiungete dei germogli di lavanda un po' di sale alle alghe e del pepe. Lasciate stufare per qualche minuto aggiungendo, se necessario, un po' d'acqua. Una volta cotti, passarli nel mixer ed aggiungere un po' di panna fresca. CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDADopo averli ben frullati filtrateli con in un chinois o colino cinese e rimettete la crema ottenuta in una bastardella a bagno maria così da mantenere caldo il composto. Nel frattempo ammorbidire in acqua fredda tre fogli di colla di pesce da aggiungere alla crema di baccelli.CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDA Filtrate nuovamente il tutto e mettete in un sifone Isi caricato con una cartuccia.
CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDADopo aver ben agitato il sifone lasciatelo riposare per almeno 2 ore in frigorifero. 
Impitttate con un po' di fantasia e sfruttando la fantastica lavanda che in questi giorni inizia a fiorire nei nostri giardini.
CALAMARATA DI PISELLI CON SPUMA DEI LORO BACCELLI AL PROFUMO DI LAVANDA


Buon pranzo Principesse!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines