Magazine Sport

Canottaggio: Guido Gravina argento ai Campionati Mondiali con l’otto pesi leggeri

Creato il 30 agosto 2014 da Sportduepuntozero

canottaggio - campionati mondialiItalia e Torino in evidenza ai Campionati Mondiali Assoluti di canottaggio, in corso di svolgimento ad Amsterdam. Ieri, nella giornata dedicata alle finali delle specialità non olimpiche, gli equipaggi azzurri hanno raccolto una medaglia d’oro, grazie al singolo pesi leggeri del ravennate Marcello Miani, una d’argento, con l’ammiraglia pesi leggeri, e diversi piazzamenti di rilievo, tra cui il quattro di coppia pesi leggeri maschile, fuori dal podio per soli dieci centesimi. I due podi si aggiungono al bronzo vinto ieri dal quattro con LTA misto e portano la nazionale italiana a quota tre medaglie. Partenza difficoltosa per Marcello Miani (Forestale), perfetto poi nel recuperare su Svizzera e Germania conquistando il titolo mondiale con più di sette secondi di vantaggio sul tedesco Hartig e con il record del mondo della specialità.

L’otto leggero, composto da Luca De Maria, Vincenzo Serpico, Jiri Vlcek (Fiamme Oro), Leone Maria Barbaro (Tirrenia Todaro), Livio La Padula, Armando Dell’Aquila (Fiamme Oro), dal torinese Guido Gravina (RCC Cerea), Giorgio Tuccinardi (Forestale) e dal timoniere Gianluca Barattolo (Marina Militare), è stato protagonista di una finale molto combattuta. Con una progressione iniziata a 600 metri dall’arrivo, gli azzurri hanno provato a tener dietro la favorita Germania, apparsa però imprendibile. Al terzo posto una sorprendente Turchia. “Come previsto la gara è stata tirata dall’inizio alla fine” il commento di Guido Gravina al termine della prova, “fino ai 1500 metri siamo rimasti appaiati a Germania e Turchia, poi i tedeschi hanno allungato, noi abbiamo cercato di rispondere ma il loro attacco è stato più efficace. Siamo stati comunque bravi a tenere dietro la Turchia”.

Altri due torinesi dell’Esperia, Federico Gherzi e Francesco Pegoraro, insieme a Matteo Mulas (CLT Terni) e Josè Casiraghi (SC Milano), sono rimasti per un solo decimo di secondo ai piedi del podio del quattro di coppia pesi leggeri. Oro alla Grecia, che si è confermata campione del mondo precedendo Germania e Cina, abile  a superare l’equipaggio azzurro al fotofinish. “Abbiamo impostato la gara nel modo in cui l’avevamo preparata” afferma Federico Gherzi, “partendo forte per essere da subito nelle prime posizioni. Abbiamo patito un po’ il vento contrario, specialmente negli ultimi metri. In ogni caso siamo soddisfatti, abbiamo dato tutto raggiungendo un piazzamento buono in un contesto di alto livello come quello dei Campionati Mondiali”.

Quinto, invece, il quattro di coppia pesi leggeri femminile, formato da Valentina Rodini (SC Bissolati), Eleonora Trivella (VVF Billi), Greta Masserano (CUS Torino) e Giulia Pollini (CC Cernobbio). Titolo iridato alle padrone di casa dell’Olanda, giunte davanti ad Australia e Germania. Quinto posto anche per il due senza di Lorenzo Tedesco (CC Saturnia) e dell’altro torinese Alberto Di Seyssel (SC Armida), nella gara vinta dalla Svizzera, sul podio con Francia e Gran Bretagna.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :