Magazine Bellezza

Cappelli 2018: i modelli che non devono mancare nell’armadio

Creato il 20 dicembre 2017 da Redazioneyg

Cappelli 2018 tutte le tendenzeLa tendenza vuole che i cappelli 2018 siano vistosi, colorati ed eccentrici!

Non importa se sia inverno o estate, il cappello è uno di quegli accessori che può essere indossato tutto l’anno. In inverno ci protegge la testa e le orecchie dal freddo, in estate protegge invece la testa dal caldo e dal sole. Ma, i cappelli 2018, oltre a oltre ad avere questa funzione primaria saranno dei veri e propri capi fashion di grande effetto!

Scopriamo insieme le tendenze del nuovo anno

Dal basco al panama, fino ai foulard: c’è solo l’imbarazzo della scelta. Vediamo quali sono i modelli di cappelli 2018 più glamour.

  • Il basco, il cappello dei “pittori” per eccellenza è ideale per avere un fascino da parisienne. Può essere indossato sia di giorno che di sera e diventa quasi indispensabile per dare un tocco raffinato ai look più rock o causal.
  • Passamontagna, per le più freddolose che non vogliono rinunciare ad un tocco fashion. Il più apprezzato negli ultimi tempi? Il passamontagna in lana nera con le perle.
  • Panama a tesa larga o larghissima dal sapore sartoriale. Ideale per un look raffinato e vintage.
  • Foulard, in versione “fazzoletto da testa”, da annodare al collo proprio come facevano le signore negli anni ’50.
  • Beanie & Co., non possono mancare nel vostro armadio i copri orecchie e la cuffia in lana, con i motivi più fantasiosi: coste, trecce o traforato, anche con decori e ricami preziosi in cristalli, perle e pailettes. I cappelli 2018 devono essere morbidi e caldi!

Cappelli 2018 come indossarli
Come portare i capelli con i cappelli 2018?

Le opzioni sono due: sciolti o con una coda, o treccia, bassa.

Lob, bob o un taglio di capelli corti sono perfetti per i cappelli, le ciocche che fuoriescono dal cappello possono essere trasformate in piccole onde con l’aiuto di piastre o arriccia capelli in modo che possano incorniciare perfettamente il volto.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :