Magazine

Carlo Capponi: era prevista per oggi la firma del contratto per la partecipazione a Uman. Parlano Simona Ventura, Patrizia De Blanck e Luxuria

Creato il 19 aprile 2011 da Miosako

Carlo Capponi: era prevista per oggi la firma del contratto per la partecipazione a Uman. Parlano Simona Ventura, Patrizia De Blanck e LuxuriaLa morte di Carlo Capponi ha sorpreso tutti, il sottoscritto stesso. La sua ironia, il suo mettersi sempre in gioco, la sua giovialità, la sua voglia di vivere lo ha reso il naufrago non famoso più amato dagli italiani, rimanendo nel cuore della gente anche quando, conclusa la sesta edizione del reality show di Rai Due, si sono spenti i riflettori.

Dei riflettori che, a quanto pare, erano pronti a riaccendersi su di lui. Proprio oggi, infatti, Capponi avrebbe dovuto firmare il contratto per partecipare al reality in partenza Uman. Una prematura morte, avvenuta proprio nel momento in cui il mondo dello spettacolo era tornato a ricordarsi di lui e della sua comicità.

La Ventura: “L’Isola dei famosi è come una grande famiglia e oggi abbiamo perso un membro importante a cui tutti volevamo bene. È la prima volta che accade nella storia del programma, il dolore è lancinante. Addio Carlo, per tutta la vita sentirò l’eco della tua voce che mi chiama. Naufraghi si resta per sempre“.

Patrizia De Blanck: “La notizia della sua morte mi ha sconvolta. Io gli volevo molto bene, lui si era innamorato di me e dopo l’Isola siamo rimasti amici. Avevo parlato con lui l’altro ieri e proprio iera sera lo stavo cercando ma non sono riuscita a contattarlo, ho pensato che fosse uscito a passeggio con il cane, che adora, della signora con cui vive e alle 11.30 ho smesso di cercarlo. Questa mattina ho saputo che era morto, mi ha fatto una grande impressione, una enorme tristezza. Avremmo dovuto anche fare una sit-com insieme, La contessa sul bidello, avevamo questo progetto. Da quando ci siamo conosciuti siamo rimasti amici, sull’Isola mi aveva anche salvato la vita evitando che mi sfracellasi contro la barca un giorno che il mare era forza 7. Con lui il legame era forte perchè abbiamo condiviso i disagi, la fame nel programma e quando si soffre insieme il rapporto si rafforza. Nella vita normale era come un bambino, molto ingenuo e un pò furbetto. Non penso che andrò ai suoi funerali non voglio ricordarlo in una bara ma giocoso come quando era sull’Isola“.

Luxuria: “Sono sbigottita e addolorata dalla scomparsa improvvisa di Carlo Capponi, conosciuto al pubblico per essere il ‘bidello’ naufrago dell’edizione dell’Isola dei famosi del 2008 a cui abbiamo partecipato. Mi conforta solo sapere che non ha sofferto e che verrà ricordato dall’affetto di tutti coloro che gli hanno voluto bene“.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog