Magazine Cultura

Carlo Goldoni, lucido e visionario economista

Creato il 11 marzo 2018 da Walter_fano @walterfano
Carlo Goldoni, lucido e visionario economistaLucidissimo economista, nelle sue commedie Carlo Goldoni non descrive banalmente lo scontro tra padri spilorci e figli dissipatori, ma le contraddizioni di un'economia malata nella quale l'eccesso di spesa è contemporaneamente una necessità vitale e un rischio mortale. Quando parliamo di Goldoni ci pare d'avere a che fare con un Molière minore, e per giunta tardivo; con un giocoso dipintore dei vizi della società del suo tempo; e un poco persino con un venditore di gondole, che ci accompagna nelle pittoresche atmosfere del Settecento veneziano. Tutto questo basterebbe a tenerci lontani dalla sua opera, come alcuni stanno ormai lontani dalla città di Venezia... E tuttavia sarebbe un errore, perché Carlo Goldoni fu molto di più. Più di un venditore di gondole, beninteso; più di un moralista o d'un immoralista; e più di Molière, se vogliamo. Con Goldoni siamo già piuttosto dalle parti di Honoré de Balzac ovvero alla nascita di un'arte intesa come scienza, come paradigma conoscitivo, e in particolare come modello dei rapporti economici. Ma Balzac nasce 5 anni dopo la morte di Goldoni, perché scomodarlo? Andiamo con ordine, e scomodiamo di conseguenza. Nato nel 1707, morto nel 1793, Carlo Goldoni fu contemporaneo di Adam Smith, nato nel 1723, morto nel 1790. Il cruccio scientifico di Goldoni, se teniamo fede alle sue dichiarazioni programmatiche, sembra non essere altro che quello di rappresentare con la massima precisione i vari tipi umani, ovvero dei caratteri universali in cui ciascuno possa riconoscersi. Non c'è nulla di originale in questo: si chiama commedia di costume, ed è appunto il genere in cui eccelleva Molière. Non è neppure troppo dissimile dalla Commedia dell'Arte con i suoi padroni burberi i suoi servi sfaticati. Se si trattasse solo di questo, il merito di Goldoni, nel proporre la sua commedia di carattere, non sarebbe altro che d'aver raffinato la tecnica, aggiornandola alla società borghese. Tuttavia l'autore veneziano non si limita a far sfilare questi caratteri in “scene accozzate senz'ordine e senza regole”, né - come Molière - tesse trame con l'unico scopo di far emergere i personaggi paradigmatici: l'avaro, il borghese gentiluomo, il tartufo, il malato immaginario, il misantropo, eccetera. Al contrario, e soprattutto nelle commedie d'ambiente, il genio di Goldoni sta nell'aver messo in scena, piuttosto che dei tipi umani, dei tipi di situazioni che drammatizzano i meccanismi economici del capitalismo nascente. In effetti, le azioni e i moventi di cui è fatto il teatro goldoniano sono spesso di natura contrattuale, monetaria, finanziaria, creditizia, speculativa. In questo senso Carlo Goldoni è più di un semplice testimone, che descrive in maniera confusa sintomi ed epifenomeni: sulla scena egli è in grado di ordinarli, esaminarli, collegarli, sistematizzarli.La “Trilogia della villeggiatura” è in questo senso rappresentativa. La villeggiatura è definita da Goldoni “una mania, una passione, un disordine”, poi ancora un “fanatismo” una vera e propria patologia che produce debito, ma è sulla scena “feconda di ridicolo e di stravaganze”. Dunque qual è il legame tra la villeggiatura e la ricchezza delle nazioni? Lo si capisce leggendo Le smanie per la villeggiatura, primo capitolo della celebre trilogia, quando Vittoria, che vuole farsi comprare un vestito dal fratello sommerso dai debiti, sostiene che rinunciare a una spesa superflua “può far perdere il credito”. Quello che sembra soltanto il capriccio d'una ragazza viziata, da cui scaturisce l'effetto comico, è in realtà il cuore di un sistema economico nel quale lo spreco onorifico permette di attrarre nuovo capitale e il debito alimenta il credito. Insomma la risposta di Vittoria è tutt'altro che ingenua.Il rischio estremo cui va incontro è di perdere il credito. Dietro il ridicolo, dietro la vanità, dietro la critica, dietro la follia, Goldoni fa trasparire la tragica ragionevolezza del comportamento di Vittoria, costretta a inseguire freneticamente la moda e combattere l'obsolescenza programmata delle merci. Perché la sua follia è del tutto ragionevole nel contesto della società in cui vive. Non sono infatti i personaggi di Goldoni a essere pazzi o banalmente vanitosi, ma l'universo stesso in cui vivono a essere disfunzionale.Negli anni ruggenti del primo Novecento, poco prima della grande crisi del 1929, a incarnare questo paradosso con malinconica ironia, fu lo scrittore americano Francis Scott Fitzgerald, che in un suo articolo del 1924 per il Saturday Evening Post, consegnò una formula perfetta: “Siamo troppo poveri per risparmiare, il risparmio è un lusso”.
(fonte: R. A. Ventura)

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines