Magazine Lifestyle

Carlsberg Italia: Presentato il suo Bilancio di Sostenibilità 2018

Creato il 07 giugno 2019 da Moda Glamour Italia @ModaGlamour

Un viaggio iniziato da Milano Centrale, sul seggistivo treno d' epoca " 100 porte" per arrivare fino a Varese dove ha sede Carlsberg Italia.


L' azienda con sede ad Induno Olona (Va) ha presentato il suo Bilancio di Sostenibilità 2018, l' VIII° edizione del rapporto annuale di rendicontazione delle performance sostenibili. Gli addetti ai lavori hanno potuto così conoscere le innovazioni che, dal 2011 ad oggi, hanno portato l'Azienda ad essere protagonista, non solo del suo mercato di riferimento, in fatto di sostenibilità. Un percorso impegnativo che, nell'arco di 8 Anni, ha portato Carlsberg Italia a un consolidamento effettivo, con un miglioramento sostanziale dei principali indicatori di sostenibilità e con la certezza di continuare a puntare su unico driver: quello dell'innovazione.

" È importante tenere sempre in mente che la sostenibilità non è un traguardo, ma solo una tappa verso un obiettivo più grande che evolve con noi e con le esigenze del Pianeta - ha detto Antonella Reggiori, DraughtMaster™ Business Unit & Italy Operations Director - È per questo che vi diamo appuntamento all'anno prossimo, con un nuovo aggiornamento sulla strada che avremo percorso assieme".

" La scelta del treno testimonia la volontà di Carlsberg di continuare ad essere una forza trascinante ed elemento ispiratore per i nostri stakeholder - ha dichiarato Davide Pizzagalli, CSR Manager di Carlsberg Italia - Se storicamente questo mezzo ha permesso all'umanità di raggiungere importanti traguardi di sviluppo socio economico, oggi il treno rappresenta anche un esempio di innovazione, velocità, e sostenibilità: esattamente i valori che ci rispecchiano e che vogliamo continuare a rappresentare per i prossimi anni".

Un' ambizioso obiettivo fissato dal programma di sostenibilità prevede di raggiungere, entro il 2030, Zero emissioni di CO Una battaglia contro le emissioni di anidride carbonica e lo spreco energetico che Carlsberg Italia si impegna a combattere anche su tutto il ciclo di vita del prodotto "birra alla mano", per raggiungere l'obiettivo prefissato di riduzione delle emissioni del 2 nei birrifici, con uno 15% entro il 2022 e del 30% entro il 2030. Gli aggiornamenti di questi dati, comprensivi del triennio 2017-2019, saranno disponibili nel 2020 ma, nel frattempo, il Gruppo sta operando proattivamente su più settori come il riciclo dei rifiuti, gli imballaggi, la logistica e la refrigerazione. step intermedio del 2022 che vede un -50%. Ebbene, in pochi anni, dal 2015 al 2018, le emissioni specifiche di anidride carbonica sono diminuite del 9,1%. Un esito assai soddisfacente, al quale si affianca una buona riduzione del consumo energetico totale, sceso del 4% rispetto al 2017. Stando sempre alle stime intermedie della roadmap, Carlsberg Italia ha raggiunto con ampio margine, rispetto a quanto prefissato per il 2022, il 100% di energia da fonti rinnovabili negli stabilimenti di produzione (un successo ottenuto già dal 2017) ed un altro 100% di raffreddamento a basso impatto sul clima, grazie anche all'acquisto di sistemi di raffreddamento che non utilizzano HFC (idrofluorocarburi).

Le stime attuali evidenziano come entro il 2025 una buona parte della popolazione mondiale sarà soggetta a carenze d'acqua. Spinta da questa urgenza, Carlsberg Italia, ha fissato un obiettivo relativo alla diminuzione degli sprechi idrici, raggiungendo un importante risultato: il consumo idrico specifico è diminuito del 28,4% superando lo step intermedio (entro il 2022 -25%) e avvicinandosi a quello finale del 2030 quando si dovrà dimezzare il consumo d'acqua del Birrificio. Nel 2018 l'efficienza idrica è migliorata: sono stati risparmiati 2.634 m³ di acqua (-0,6%) ed è stata registrata una riduzione del volume delle acque di scarico del 1,2%, rispetto al 2017. Evidenziando il totale, il Bilancio di Sostenibilità dal 2015 al 2018 mostra un risparmio di 127.970 m³ d'acqua, pari a quella necessaria per riempire 4.412 autocisterne.

ZERO consumo irresponsabile.

Bere una birra è un momento di piacere e di convivialità, tuttavia Carlsberg Italia è ben consapevole che l'abuso di alcol può comportare diversi problemi; infatti lavoriamo da tempo per assicurarci che i nostri prodotti vengano consumati in modo responsabile. Carlsberg Italia ha già raggiunto l'obiettivo del 100% indicato per il 2022: sul packaging sono riportati i valori nutrizionali per 100 ml di birra, oltre a chiari messaggi sul bere responsabile, consigliando di non bere qualora ci si debba mettere alla guida, quando non si è raggiunta l'età legale e nell'ipotesi di gravidanza. In più per tutti coloro che non vogliono rinunciare al gusto della birra, ma non amano le bevande alcoliche o non possono berle, sono state introdotte alcune alternative analcoliche per garantirne il gusto e la freschezza anche nelle situazioni in cui non si può assumere alcol.

In occasione delle giornate di Porte Aperte in Birrificio, i visitatori, grazie agli occhiali 3D Beer Goggle, hanno potuto far esperienza diretta dei rischi che corrono se guidano dopo aver bevuto troppo alcol. Un altro significativo intervento è che tutte le nuove vetture aziendali sono state dotate del dispositivo Alcolock, un'apparecchiatura che blocca l'accensione del motore in caso di tasso alcolemico superiore alla soglia massima consentita dalla legge. Nel 2018 infatti, tutte e 34 le nuove vetture consegnate erano dotate di tale dispositivo.

Carlsberg Italia nel rispetto della sostenibilità si avvale di moderne tecnologie volte a supportare e migliorare tutti i processi lavorativi e le fasi di consumo. È giusto citare immediatamente DraugthMaster™, il sistema che dal 2011 ha rivoluzionato la birra alla spina. Si tratta di un metodo di spillatura senza CO2 aggiunta che garantisce al consumatore di bere birra fresca come in birrificio per 31 giorni dall'apertura del fusto; quest'ultimo in PET, un materiale riciclabile che ha quasi completamente sostituito i tradizionali fusti in acciaio: nel 2018 si è arrivati al 96% di birra spillata in PET, avvicinandosi all'obiettivo del 100% di copertura.

Carlsberg Italia nel 2018, grazie ad un importante accordo con Toyota, ha inserito 34 vetture Auris Touring Sports Hybrid nella flotta aziendale, confermando l'impegno concreto nella realizzazione di una mobilità capace di abbattere i fattori inquinanti nocivi per la salute dell'uomo. A questa intesa, fa eco anche un'altra significativa collaborazione con E-vai - il primo car sharing ecologico Lombardo - che ha consentito a Carlsberg Italia di dotare la propria flotta aziendale di 3 Renault Zoe elettriche da utilizzare per il carpooling aziendale. Per una totale efficienza sono state poste due colonnine di ricarica nella sede di Lainate e nello storico Birrificio di Induno Olona, gratuitamente a disposizione anche di visitatori e clienti.

L'approccio ed il programma di sostenibilità intrapresi a partire dal 2011 hanno portato evidenti risultati, tutto ciò attraverso un lavoro in relazione con i partner, con un sistema globale in costante evoluzione e con la finalità di restare competitivi e tra i leader mondiali del settore birra.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog