Magazine Politica

Caro Bersani, la "Ditta" non ci sarà più. Non col mio voto

Creato il 11 giugno 2015 da Tafanus

la Ditta non c'è più. Non ci sarà MAI PIU'. Non col mio voto. Io per una Ditta che è socia di fatto del NCD di Angelino Alfano e del Senatore Azzollini (quello che secondo due testimoni minaccia le suore di "pisciar loro in bocca") non voglio avere nienta da spartire. NIENTE.

Ringrazio il cielo che per questa tornata dalle mie parti non si è votato né per le regionali, né per le comunali. Non so cosa avrei fatto, ma so per certo cosa NON avrei mai e poi mai potuto fare: votare per QUESTA ditta. Non avrei potuto farlo, neanche portandomi in cabina il sacchetto per il vomito. Questa associazione di fatto fra PD e NCD DEVE essere sciolta, oppure ve la voterete da soli. Libero Renzi di imbarcare tutti i Castiglione e gli Azzollini che vuole. Liberissimo io di di scendere alla prima fermata, come già hanno fatto in un anno 2 milioni di passeggeri su quattro.

Renzi sta distruggendo il Partito, ma la vostra politica parolaia dei penultimatum è ormai diventata qualcosa che rassomiglia maledettamente alla complicità. QUESTA PARODIA di PD può anche proseguire, col vostro dissenso nei talk-shows e col vostro voto di fiducia in Parlamento ogni volta che Renzi lo chiede.

Tafanus
Caro Bersani, la

Bisceglie, direzione generale della casa di cura Divina Provvidenza. Giungo-Luglio 2009. All'interno il legale rappresentante Suor Marcella (all'anagrafe Rita Cesa) e le altre consorelle del consiglio generalizio. L'ospedale del Vaticano è già in condizioni finanziarie disastrose. Bisogna trovare una soluzione-tampone. E la politica ci mette lo zampino. Per questo c'è una riunione importante nell'ufficio di Suor Marcella. Che ascolta, senza poter parlare, la voce del potere. "Da oggi in poi comando io, se no vi piscio in bocca". Detta così, alle suore. Il senatore Ncd Antonio Azzollini non usa giri di parole. Lui è il presidente della Commissione Bilancio del Senato praticamente da sempre (dal 2001 al 2006, poi dal 2008 al 2013 e riconfermato nella legislatura in corso), può decidere favori economici non di poco conto e, in questo modo, salvare la casa di cura, gravata da un buco di bilancio che gli inquirenti della Procura di Trani e la Guardia di Finanza hanno quantificato in 500 milioni di euro. Ma in cambio vuole la gestione della struttura, vuole decidere dirigenti e assunzioni. In una parola: vuole comandare. E quando comanda non bada a spese. I conti, già in rosso, esplodono.

L'episodio della minaccia alle suore è raccontato agli inquirenti da due testimoni in altrettanti interrogatori: si tratta di Nicolino Antonio e Attilio Lo Gatto, padre e figlio, il primo ex dirigente della congregazione, il secondo dipendente della Ambrosia Technologies s.r.l., uno dei fornitori della Divina Provvidenza. Entrambi al momento della sparata di Azzollini si trovavano nella stanza adiacente a quella in cui il parlamentare ha intimato alle monache di obbedire ai suoi ordini. Per chi indaga ci sono pochi dubbi: le testimonianze sono attendibili anche perché corroborate da tutta un'altra serie di elementi che provano il modus operandi e la strategia del senatore. Che da quel giorno diventa il dominus dell'ente religioso. Tradotto: impone l'ingresso di alcuni uomini fidati ai vertici della struttura (con stipendi da capogiro per le casse disastrate della casa di cura), diventandone "dal 2009 amministratore di fatto". Insomma: ne è il direttore e lì, nell'ospedale di Bisceglie fondato da don Pasquale Uva, si fa ciò che dice lui. L'obiettivo è chiaro: decidere "assunzioni di personale e scelte di fornitori a lui graditi, al fine di ordire la propria egemonia sull'Ente e dunque di assicurarsi un sicuro bacino di consenso politico-personale", come scrivono gli inquirenti nell'ordinanza di custodia cautelare con cui hanno chiesto gli arresti domiciliari per il parlamentare del Nuovo centrodestra. Le accuse, pesantissime, parlano di associazione a delinquere e induzione indebita a dare o promettere utilità, concorso in bancarotta fraudolenta.

E quella intimidazione ( "Non ricordo di aver mai pronunciato frasi di questo tipo. Ci mancherebbe altro", si è difeso l'ex primo cittadino) per chi indaga "inaugura la stagione del potere azzolliniano" sulla struttura. Un "colpo di stato" lo definisce il gip di Trani. Il disegno è molto semplice. Il senatore fa assumere all'interno della Congregazione tre 'luogotenenti' (Angelo Belsito, Rocco Di Terlizzi e in un secondo momento Giuseppe Domenico de Bari), che hanno un unico obiettivo: "Amministrare l'Ente secondo i dettami del politico - scrivono gli inquirenti - controllarne quotidianamente gli affari, pilotare assunzioni e rapporti negoziali, con tanto di trasmissione in anteprima al politico dei principali provvedimenti attinenti la gestione (bilancio, piano di concordato, progetti di esubero del personale, ecc.)". E così accade: assunzioni di massa, sprechi e bilanci da far impallidire.

Un prezzo da pagare altissimo per la struttura sanitaria. Che però in cambio può contare sul potere squisitamente politico dell'ex sindaco di Molfetta. Che, una volta ottenuta la cogestione della Divina Provvidenza, si mette all'opera. Anche in questo caso le parole di chi indaga spiegano alla perfezione il meccanismo e l'azione di Azzollini, il quale si spende "per assicurare alla Congregazione la proroga legislativa della sospensione degli obblighi fiscali e contributivi, già goduta per effetto dell'art. 1, comma 255, della legge 311 del 2004, e più volte prorogata proprio grazie all'intervento del politico [...] beneficio in virtù del quale garantiva alla Congregazione un'indebita moratoria fiscale finalizzata a ritardare l'emersione dello stato di dissesto, e, conseguentemente a neutralizzare la richiesta di fallimento dell'Ente avanzata dalla Procura della Repubblica di Trani". Ciò che succede dopo l'avvento del senatore alla casa di cura lo sintetizza il gip: tra il 2011 e il 2013, "a partire dal momento dell'esproprio di potere da parte del senatore Azzollini e del suo entourage, le assunzioni selvagge di personale alla sede di Bisceglie vennero decise dal politico".


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Non pensare al terrorismo

    pensare terrorismo

    Stiamo combattendo diverse battaglie per e alcune battaglie contro. Le battaglie per sono ad esempio quelle per il diritto alla casa, quelle per il diritto al... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    SOCIETÀ
  • Io non obbedisco!

    obbedisco!

    di Maria Pia Caporuscio. Obbedire alle regole che questi nuovi “padroni” stanno dettando, non è una virtù ma un crimine! Queste politiche neoliberiste a... Leggere il seguito

    Da  Freeskipper
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Caro Salvini, ti spiego io cos’è la vera secessione

    Caro Salvini, spiego cos’è vera secessione

    di Francesco Filini“Il Movimento politico confederale denominato Lega Nord per l’Indipendenza della Padania, costituito da Associazioni Politiche, ha per... Leggere il seguito

    Da  Aurita1
    ECONOMIA, FINANZE, SOCIETÀ
  • Non c'è Pasqua senza conversione

    Pasqua senza conversione

    Guardo gli occhi di questa bambina e mi si stringe il cuore. L'autore della foto, il fotografo turco Osman Sagirli racconta: «Avevo una macchina fotografica... Leggere il seguito

    Da  Profrel
    RELIGIONE, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Io NON voterò Brugnaro perché…

    voterò Brugnaro perché…

    Il prossimo 14 giugno ci sarà il ballottaggio tra i due candidati Sindaco di Venezia: Felice Casson e Luigi Brugnaro (o Brugnaro Luigi per gli amici). Io ho... Leggere il seguito

    Da  Golemino
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ
  • Mamma, non aiutarmi, per favore!

    Mamma, aiutarmi, favore!

    Uno dei quesiti che spesso attanagliano le famiglie in procinto di varcare, con i loro pargoli, la soglia della scuola dell'obbligo è come scegliere la scuola... Leggere il seguito

    Da  Massimo Silvano Galli
    BAMBINI, FAMIGLIA, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Nell'industria non c'e' ripresa

    Nell'industria c'e' ripresa

    Pochi giorni fa l'Istat ha comunicato i dati sulla produzione industriale nel mese di aprile. Scrive l'Istat In aprile 2015 l'indice destagionalizzato della... Leggere il seguito

    Da  Vincitorievinti
    ECONOMIA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ