Magazine Cucina

Casadello, latteruolo, dolce di Romagna

Da Ilafior

Casadello, latteruolo, dolce di Romagna

Il casadello, o latteruolo, è un antico dolce romagnolo che i "mezzadri" delle campagne romagnole pare offrissero ai loro "padroni" durante la festa del raccolto o in occasione di feste solenni. Fa parte di quella famiglia di dolci al cucchiaio molto simili tra loro e tipici di molte regioni italiane ma anche francesi spagnole e portoghesi. Anche l'Artusi propone, nella sua Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene il latteruolo, molto simile negli ingredienti al "lat brulè" (con caramello), tipico anch'esso della Romagna (e a Bologna conosciuto come "fiordilatte") ed al "latte alla portoghese".

Si tratta di fatto di una specie di creme caramel, che nel caso del casadello viene cotto in una sorta di contenitore di pasta matta, pasta cioè fatta con sola acqua e farina. Pare servisse veramente solo per "contenere" il dolce, insomma una sorta di teglia usa e getta, sicuramente non molto appetibile. Probabilmente questo involucro veniva scartato dal commensale. In ricordo di questa antica e curiosa tradizione ho fatto il mio casadello rispettando per intero questa usanza, rendendo solo un poco più morbida la pasta in cui il dolce viene cotto.

Casadello, latteruolo, dolce di Romagna

un cucchiaino di zucchero

scorza di limone a piacere

Per la pasta fondere il burro ed unirlo al resto degli ingredienti. Mettere tanto latte (50- 60 g circa) quanto ne basta per ottenere una pasta soda. Fare una palla, coprire con pellicola e tenerla a temperatura ambiente.

Nel frattempo preparare la crema. In una casseruola con fondo spesso mettere il latte con la vaniglia. Lasciarlo indisturbato, a fuoco bassissimo e con una frusta a mano dentro (aiuterà a non farlo uscire) per un'ora circa. A cottura quasi ultimata aggiungere lo zucchero e mescolare. Far freddare bene.

Foderare uno stampo da 20 cm per 11 per 7 ( o di volume equivalente) con carta forno. Foderare ulteriormente con la pasta tirata al mattarello e riporre in frigo mentre si finisce di preparare la crema.

In una ciotola mescolare con frusta a mano le uova intere ed i tuorli, unirle al latte cotto e ridotto, mescolare bene e filtrare tutto direttamente nello stampo foderato di pasta. Cuocere a bagnomaria per 60 minuti circa a 160- 170°C, verificandone la cottura con uno stecchino. Porre a raffreddare in frigo 4 o 5 ore minimi. Servire tagliato a fette.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines