Magazine Cucina

Cascà Sardo di Caloforte

Da Johanson_2012

Cascà Sardo di Caloforte

Il cascà alla Carlofortina ovvero U Cascà Tabarkin è un piatto della tradizione tabarchina. Gli antenati degli abitanti di Carloforte dalla Liguria si trasferirono a Tabarca, nelle coste tunisine, per praticare la pesca del corallo e da lì a Carloforte, dove mantennero alcune influenze della cucina orientale.

[adrotate banner="18"]

Dettagli ricetta

Difficoltà : difficile.

Tempi di cotturra e di preparazione: 24 ore di ammollo + 2 ore e 20 minuti

Stagionalità: Primavera.

Regione : Sardegna.

Ingredienti per 4 porzioni

  • 350 gr di couscous
  • 150 gr di ceci secchi
  • 200 gr di favette
  • 180 gr di piselli freschi
  • 1/ cavolo verza
  • 1 finocchietto servatico
  • 1 melanzana
  • 1 carota
  • 1/2 cipolla
  • 2 carciofi Tipo spinoso Sardo
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio extra vergine di Oliva
  • Sale q.b.

Preparazione del Cascà Sardo

Dopo aver lasciato a bagno i ceci per 24 ore, lessateli 2 ore e scolateli. Fateli insaporire in una padella con filo d'olio e 1 spicchio di aglio 10 minuti circa.

Tagliate il cavolo verza in piccole strisce, le carote a fettine sottili , il finocchietto selvatico e tritate non finemente la cipolla.

Rosolate per 20 minuti circa le verdure in una padella con un filo d'olio a fiamma bassa.

Togliete i petali esterni duri dei carciofi, le punte con le spine e con un coltellino anche le barbe interne, in modo da  ricavare soltanto il cuore morbido, quindi dividedeli in 4 spicchi.

Rosolateli in padella con un filo d'olio, i piselli e le fave; aggiungete 172 bicchiere d'acqua e un pizzico di sale, mettete il coperchio e proseguite la cottura per altri 35 minuti.

Tagliate le melanzane a dadini e friggetele in padella 15 minuti circa.

In un pentolino dai bordi alti cuocete 10 minuti circa il couscous in 2 bicchieri d'acqua e un pizzico di sale, finchè non avrà assorbito completamente l'acqua di cottura.

Unite le verdure stufate e i ceci. Lasciate raffreddare il tutto coperto, mescolando ogni tanto, stando attenti che non si asciughi e servite.

[adrotate banner="17"]

Servite caldo su un piatto da portata.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog