Magazine Società

Cedolare secca al 10% anche per le locazoni a canone "concordato" ad uso transitorio

Creato il 14 maggio 2017 da Gaetano61
Cedolare secca al 10% anche per le locazoni a canone
In merito all'applicazione della cedolare secca sulle locazioni dei fabbricati ad uso abitativo, la circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 8 del 7 aprile scorso ha fornito un importante chiarimento:
sui contratti di locazione a canone "concordato" stipulati sulla base di appositi accordi tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini (art. 2 - 3° comma - della legge n. 431/98), aventi per oggetto immobili situati nei comuni con carenze di disponibilità abitativa (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia), nei comuni confinanti con gli stessi e negli altri comuni capoluoghi di provincia, si applica, in caso di opzione per il regime della cedolare secca, un'imposta sostitutiva del 10% anche sui contratti di natura transitoria, aventi durata da uno a 18 mesi. Fanno eccezione quei contratti, aventi le caratteristiche sopra descritte, stipulati con studenti universitari. Prima della pronuncia dell'Agenzia delle Entrate, la cedolare secca ad aliquota 10% risultava applicabile in maniera univoca solo alle locazioni a canone "concordato" di durata 3 anni più 2. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :