Magazine Medicina

Cellule staminali del midollo osseo per riparare il cuore danneggiato

Creato il 07 aprile 2016 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Gli scienziati della University of Utah Health Care hanno elaborato un trattamento a base di cellule staminali del midollo osseo, che porta a una diminuzione del 37% il rischio di eventi cardiaci nei malati con insufficienza cardiaca grave.

Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

Il nuovo trattamento è stato descritto in un articolo della rivista internazionale “The Lancet”. Gli scienziati americani hanno condotto uno studio che ha riguardato un campione di 126 malati affetti da grave insufficienza cardiaca.

Da ogni persona è stato ottenuto un piccolo campione di midollo osseo, all’interno del quale sono state prelevate le cellule staminali mesenchimali e i macrofagi M2. Le cellule sono state coltivate in provetta, al fine di creare una soluzione denominata ixmyelocel-T

Questa sostanza è stata poi iniettata nel cuore dei malati mediante un intervento mini-invasivo di circa due ore. Le cellule staminali sono state inserite proprio nelle zone in cui il cuore era più danneggiato.

I ricercatori hanno poi analizzato la reazione dei pazienti a distanza di 1, 3, 6 e 12 mesi, dal giorno dell’iniezione. Fin dal subito, era risultato che in confronto ai membri del gruppo di controllo, i malati che si erano sottoposto al trattamento basato sulle cellule staminali mostravano i segni di minori effetti collaterali. A un anno di distanza dalla terapia, i risultati della ricerca hanno evidenziato che la terapia sperimentale aveva diminuito di circa il 37% il rischio che i pazienti avessero eventi cardiaci avversi, come il decesso o il ricovero per arresto cardiaco.

La terapia cellulare sperimentale ha avuto dunque effetti positivi e in futuro potrà forse portare a un miglioramento delle condizioni di vita dei malati con insufficienza cardiaca grave.

Fonte: “Salute 24 – Il Sole 24 Ore”


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog