Magazine Calcio

Champions League: Barça in cerca del riscatto, emergenza in difesa per l’Atletico

Creato il 04 aprile 2016 da Pablitosway1983 @TuttoCalcioEste
Champions League: Barça in cerca del riscatto, emergenza in difesa per l’Atletico

Quarti di finale della Champions League 2016, verrà riproposta la stessa sfida di due anni fa, con il confronto fra Atletico Madrid e Barcellona.

Nel 2014 la sfida fra i colchonero e i blaugrana è stato un punto di svolta nella stagione delle spagnole. L'Atletico Madrid di Simeone divenne grande quelle sera al Vicente Calderon, dove sconfisse i rivali del Barcellona per 1-0 grazie alla rete messa a segno dal giovanissimo Koke dopo appena cinque minuti di gioco. Dopo anni di assoluta grandezza il Barça conosceva il proprio declino, evidenziato da un Messi quanto mai opaco, del tutto irriconoscibile nel doppio confronto in Champions, con lui si era spenta anche l'intera squadra. Il Barcellona del Tata Martino si prodigava in un possesso palla sterile, mentre l'Atletico mostrava le sue spiccate doti in ripartenza.

Dopo poco più di un mese, le due squadre incrociarono nuovamente il loro cammino nell'ultima partita di campionato al Camp Nou, in una sfida cruciale per l'assegnazione dello scudetto. Con il Real Madrid di Carlo Ancelotti in finale di Champions, ma oramai fuori dai giochi, i blaugrana erano chiamati a vincere in casa per confermarsi nuovamente campioni contro e spezzare così l'eroica impresa di quell'Atletico Madrid. Al gol di Sanchez nel primo tempo, rispose l'incornata vincente di Godin, lo stesso difensore uruguagio che di li a poco avrebbe estromesso l'Italia dal mondiale. Con la rete al Camp Nou i colchoneros ruppero l'egemonia delle due grandi di Spagna, ma il cammino verso la gloria si sarebbe interrotto al Da Luz, quando il Real Madrid riuscì a pareggiare in finale di Champions solo all'ultimo secondo, per poi ribaltare il risultato ai supplementari.

Nelle stagioni successive, l'Atletico Madrid non è più stato in grado di fermare il Barcellona, nei successivi sei incontri fra Liga e Copa del Rey, i blaugrana hanno sempre trionfato grazie alla guida tecnica di Luis Enrique. In particolar modo è stato strabiliante l'ultimo successo catalano in Liga, nel 2-1 rifilato agli avversari al Camp Nou, teatro dell'andata dei quarti di finale. Dopo il gol in apertura di Koke, il Barça ha messo in mostra un gioco incontenibile, in particolar modo, l'azione dell'1-1 messo a segno da Messi, spiega la netta superiorità tecnica dei catalani: Mascherano, che di ruolo è un difensore centrale, si posizionava a soli quaranta metri dalla porta, quindi il Barça in quell'istante aveva spostato il proprio baricentro sulla trequarti avversaria. Dopo aver riconquistato la sfera, Mascherano ha subito verticalizzato in avanti per Neymar, che con un tocco di prima, ha servito lo scatto in profondità di Jordi Alba, cross basso e palla a Messi che concretizza un'azione spettacolare.

Il Barcellona si presenta alla sfida di Champions dopo aver perso il Clasico e interrotto una serie di 39 risultati utili consecutivi fra campionato e coppe. Una sconfitta indolore dato che gli uomini di Luis Enrique conservano un rassicurante vantaggio di 6 punti sull'Atletico Madrid, in grave crisi di uomini.
Se da una parte Luis Enrique può contare su tutti i titolari, dall'altra Simeone deve rinunciare alla coppia di centrali difensivi, con Godin e Gimenez e Savic costretti ai box, El Cholo nell'ultima uscita di campionato ha dato spazio a Hernandez e al canterano Monsalve. Verrebbe da dire che il duo è spacciato nel confronto con la MSN che verrà schierata in campo.
I colchoneros sono riusciti comunque a schiantare con un netto 5-1 il Betis di Siviglia, ma il Barcellona è ben altra cosa, e viste le innumerevoli defezioni, replicare l'impresa del 2014 sarà quanto mai arduo. L'Atletico dovrà cercare di resistere, dare il massimo a centrocampo, e pressare costantemente il portatore di palla, di modo che poche possibilità siano fornite al tridente. Per realizzare questo lavoro il modulo più congegnale è il 4-5-1, con Griezmann unica punta.
Tutte le speranze dell'Atletico sono riposte nel francese, assoluto protagonista in questa stagione con 26 gol segnati e 6 assist in 42 partite

Champions League: Barça in cerca del riscatto, emergenza in difesa per l'Atletico ultima modifica: da


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :