Magazine Africa

Che cos'è la Repam /Roberto Malvezzi (Gogò)

Creato il 15 agosto 2017 da Marianna06

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

Parliamo della rete  panamazônica, il Repam, in Brasile, che riguarda i 9 Paesi del bioma e i 9 Stati brasiliani ivi situati , compreso il territorio dell'Amazzonia legale.

Si stanno realizzando da tempo seminari nei vari angoli appunto di questo territorio per fare in modo di riuscire a far dialogare tale realtà con l’enciclica di Papa Francesco, la “Laudato sii” e, naturalmente, con il tipo di pubblico, che vi risiede.

 E, poi, in seguito, mettere in rete tutti i contenuti, una volta formattati, in modo che i messaggi possano circolare nella cosiddetta “casa comune”.

L’impegno è quello delle rappresentazioni delle varie pastorali sociali, cebs, chiese, movimenti sociali, puntando ovviamente  sulla presenza delle più disparate categorie sociali, dalla gente semplice, umili lavoratori, artigiani, professionisti, fino ai docenti universitari,  agli scienziati, persino ai rappresentanti di organi governativi.

In tal modo è possibile vedere e convivere con la diversità brasiliana, con la sua bellezza, i suoi problemi ma anche le sue potenzialità inimmaginabili.

Una realtà auspicata dal mondo intero, ma aggredita in modo stupido e che lascia di stucco chiunque abbia un minimo di rispetto per la vita.

E ' probabile che ci si possa ritrovare ad avere solo la dimensione di questa proposta quando la rete è intessuta.

Non deve essere motivo di scoraggiamento. Semmai esattamente il contrario.

Tutto è nato e  nasce nel Consiglio Episcopale Latino-Americano (Celam),nella Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (Cnbb),nella CARITAS latino-americana e dei Caraibi e nella Conferenza dei religiosi dell'America Latina (Clar), e  con le benedizioni di Papa Francesco.

Oltre agli obiettivi da raggiungere già decisi dei diritti umani, della difesa degli indigeni e dei loro territori, e così via, è chiaro che lo "Spirito di rete" è fondamentale in una realtà così ampia, così diversificata, ma allo stesso tempo con problemi, sfide e potenziali comuni.

La Repam dovrebbe ispirare anche le altre Chiese del Brasile.

 La verità è che non possiamo e non dobbiamo affrontare le sfide potenti che la realtà ci impone, senza essere capaci di agire tenendo a memoria punti in comune che tutti dovrebbero focalizzare.

 Dal modo in cui siamo attualmente, anche con tutta buona volontà e impegno, i nostri biomi e la gente saranno distrutti. Se sappiamo, insieme si può creare una resistenza e costruire nuove proposte, oltre a rafforzare quel  tutto di buono e importante che esiste già.

     Testo di Roberto Malvezzi (Gogò)

 

L'immagine può contenere: erba, spazio all'aperto e natura

                                   Traduzione a cura  di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog