Magazine Cultura

Che ne sarebbe stato della storia, a smettere di leggere?

Creato il 27 giugno 2013 da Paciampi
Che ne sarebbe stato della storia, a smettere di leggere?L'altro giorno ero nella fase finale della lettura dell'ennesimo mastodontico giallo svedese - libri che da qualche tempo prediligo per la loro lussuosa lentezza. 
Dopo quelli di Henning Mankell, ora sto dedicandomi a quelli di Stieg Larsson. Dovevo lavorare (cioé scrivere, lavoro reso difficilissimo dalla quasi totale assenza di un capufficio), ma me la godevo troppo a continuare a leggere il giallo svedese, a lasciare scorrere il tempo senza fare nient'altro che quello, continuare a seguire la storia dei personaggi che erano in quel momento la mia famiglia e i miei amici. 
E improvvisamente mi è venuta per la prima volta l'idea che non era vero che non stavo facendo niente, e non era vero nemmeno che ero da solo mentre leggevo. 
Ho pensato anzi che leggere sia un benefico e generoso lavoro collettivo, o comunque fatto anche per gli altri, come i riti e le preghiere. 
Avevo l'idea che il mio leggere facesse andare avanti il mondo, che in qualche modo lo tenesse in piedi, e comunque tenesse in piedi il mondo del libro che stavo leggendo. Senza di me, cioé se avessi smesso di leggere, che ne sarebbe stato della storia e dei suoi personaggi?
(da Beppe Sebaste, Panchine. Come uscire dal mondo senza uscirne, Contromano Laterza)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mursia, qualche titolo che merita

    Massimo ZampiniIL GOL DI MUNTARIStoria dello scudetto più bello di sempreLa cronaca della rinascita della Vecchia Signora – e della straordinaria conquista di u... Leggere il seguito

    Da  Paolo Franchini
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Cliente che... 6

    Cliente che entra in libreria e comincia a leggere ad alta voce tutti i nomi dei vari settori: FILOSOFIA, ATTUALITÀ, ECONOMIA, FILOSOFIA, ANTROPOLOGIA, STORIA,... Leggere il seguito

    Da  Cronachedallalibreria
    CULTURA, LIBRI
  • “Ops! Che figura!”

    “Ops! figura!”

    Basta un attimo, una piccolissima distrazione e… voilà! Eccola qui, la brutta figura, quella che non dimenticheremo mai e che ci porteremo dietro come un... Leggere il seguito

    Da  Vivianap
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • l'amore che uccide

    l'amore uccide

    il tuttomioAndrea CamilleriMondadori pagine 147 € 16,00"Stasera sul tuo sonno m'ero chinato.Innocenteil tuo corpo giaceva sull'umile giaciglio,e ho visto,come... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Quello che conta [Forlì]

    Quello conta [Forlì]

    Calma e pacata, occhi nascosti dietro a lenti scure e vestita con un succinto soprabito da spiaggia, una ragazza sta leggendo Quello che conta di Hal Urban. Leggere il seguito

    Da  Librimetro
    CULTURA, LIBRI
  • Che ansia! (Albert Ellis, Erickson)

    ansia! (Albert Ellis, Erickson)

    Non mi considero più una persona ansiosa. Lo sono stata, nei periodi acquei dell’adolescenza, ma adesso ne soffro molto meno: mi capita per lo più al lavoro, ne... Leggere il seguito

    Da  Serenagobbo
    CULTURA, LIBRI
  • L'intellettualità che manca: Aldo Busi, ovvero l'illuminista che osa

    L'intellettualità manca: Aldo Busi, ovvero l'illuminista

    [Articolo pubblicato sulla Webzine Sul Romanzo n. 5/2012 Intellettuali e Potere] Francia, XVIII secolo. La svolta: crolla la monarchia e la repubblica prende... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines