Magazine

Chessboxing: sport che unisce il cazzotto allo scacco matto!

Creato il 05 novembre 2013 da Moveup

Scritto da: Giorgia 5 novembre 2013 in Sport Inserisci un commento 13 visite


chessboxing

A Londra nasce lo sport che fa incontrare la boxe con gli scacchi

Chessboxing è il nome della nuova disciplina sportiva nata in Inghilterra che unisce i pugni della boxe agli scacchi.  Se fino ad ora c’erano sembrati strani sport come la zumba, con il chessboxing si è superato ogni limite: come possono andare d’accordo gli scacchi con il pugilato? Immaginiamo un incontro di chessboxing in cui gli sfidanti prima si prendono a pugni e un attimo dopo sono seduti tranquilli in un tavolino!

Il chessboxing è nato a Londra da un’idea dei fratelli James e Stewart Robinson, scacchisti e pugili in un circolo di boxe di Greenwich: oggi sono 75 in tutto il mondo, i giocatori di chessboxing, che lo definiscono uno sport entusiasmante, tra questi troviamo anche un italiano Gianluca Sirci. Addirittura nel 2002 la famosa sala del Royal Albert Hall ospitò degli incontri tra pseudo “pugili-scacchisti”.

Come funzione un incontro di chessboxing

Gli atleti/cervelloni iniziano con un round di scacchi di quattro minuti, a seguire poi un round di pugilato di 3 minuti e si va avanti così per un totale di 11 incontri, tra un KO e uno scacco matto, anche se a essere matto, non è lo scacco! C’è gente che per vedere un incontro di chessboxing all’arena di The Scala in King’s Cross è stata capace di sborsare 61 sterline, cioè 72 euro. Per gli interessati a questo sport emergente e per saperne di più sugli incontri, è possibile reperire tutte le informazioni sul sito della World Chess Boxing Organisation.

Il chessboxing per quanto divertente rimane uno sport ibrido, dal momento che non è né boxe né scacchi, magari per fare allenare i 75 atleti bisognerà creare una chessboxe palestra, per permettere di prepararsi sia con i pesi che agli scacchi!


Commenta l'articolo boxe chessboxing Londra scacchi Giorgia

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog