Magazine Cultura

Chi va con lo Zoppo... ascolta 'Diving Bell', il nuovo disco dei Sanguine Hum

Creato il 07 agosto 2012 da Conlozoppo
Nel corso degli ultimi anni, dall'incontro tra alternative e progressive, sono salite agli onori della cronaca alcune band come North Atlantic Oscillation, Oceansize, Pure Reason Revolution, Pineapple Thief, Amplifier e per certi versi gli Anathema più recenti. Formazioni che nel migliore dei casi hanno dato alla luce dischi affascinanti e suggestivi, nel peggiore opere informi, senza direzione e personalità. I Sanguine Hum sono nel mezzo.
Da una parte, ottime idee veicolate da un gradevole senso melodico e da un'immediatezza lodevole, dall'altra una proposta talvolta scialba e anodina, che contrasta anche con il bel lavoro di produzione realizzato. Il quartetto di Oxford nasce dalle ceneri degli Antique Seeking Nuns e della Joff Winks Band, con il passare del tempo si è concentrato su un rock d'arte radiofonico e sofisticato al tempo stesso: canzone al centro, debitamente aperta ad ampi spazi strumentali.
"Diving Bell" offre diversi punti di vista su un'ipotesi di neo-prog contemporaneo: grandi e lussuosi scenari alla Pink Floyd, la voce di Joff Winks affine a Geddy Lee, il sapore di un rock elegante e sontuoso alla Elbow, vaghe reminiscenze Porcupine Tree. Il modello prevalente nel disco emerge da brani come "No more than reserve", "Dark ages" e "Coast of Nebraska", rock song disponibili all'arrangiamento mutevole, alle melodie ariose, ai break imprevisti tra scampoli acustici e riff fragorosi.
"Diving bell" scorre con garbo e lucentezza, sicuramente non sarà gradito ai duri e puri del prog ma rivela una scrittura suadente e rifinita che maturerà con il tempo.
http://www.sanguinehum.bandcamp.com
(Recensione apparsa su: http://www.movimentiprog.net/modules.php?op=modload&name=Recensioni&file=view&id=3590)

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog