Magazine Cultura

Chiacchiere di Carnevale

Creato il 25 gennaio 2018 da Studioartesia

Le chiacchiere, friabili, croccanti e delicate sfoglie fritte tipiche del periodo di Carnevale, spolverizzate con zucchero a velo. Chiamate anche lattughe, cenci, donzelle, frappe, sfrappole, cròstoli, galani, gale, bugie, nastri di suora, nodi d'amore, intrigoni. Esistono diverse varianti oltre che per gli ingredienti anche per la forma delle chiacchiere romboidale, quadrata, striscia annodata, fiore.

250 di farina, 50 zucchero, 1 uovo, 25 burro, 1|2 bicchiere di liquore, scorza grattugiata d'arancia o limone non trattato, un pizzico di sale e zucchero a velo.

  • Setaccia la farina, aggiungi lo zucchero, il sale, l'uovo sbattuto, il liquore (o rum, il marsala, il brandy, liquore al limone o all'arancia), bacca di vaniglia o la scorza grattugiata d'arancia o limone e il burro. Lavora fino ad amalgamare bene gli ingredienti, dovrà risultare malleabile.
  • Lascia riposare il panetto formatosi a temperatura ambiente per almeno 30 minuti.
  • Stendi e passa ogni singola sfoglia con il tirapasta impostato sullo spessore più largo e poi al penultimo.
  • Con una rotella a taglio smerlato, taglia dei rettangoli o la forma che desideri, pratica su ognuno due tagli centrali, paralleli al lato lungo.
  • Friggi ogni chiacchiera in olio alla temperatura di 150-160°, girale dopo qualche minuto, appena dorate da entrambi i lati, toglile e poggiale su carta assorbente.
  • Prima di servirle, spolverale con zucchero a velo e accompagnale con un bicchiere di Limoncello, Nocino, Liquore all'alloro.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :