Magazine Politica

Ciao Bella! Addio alla Fiat, fabbrica olandese di automobili

Creato il 29 gennaio 2014 da Albertocapece

fiat“Ciao Bella”, così il giornale economico tedesco Handelsblatt titola sulla fuga della Fiat dall’Italia per  aprire la sede legale in Olanda e quella fiscale in Gran Bretagna. E aggiunge che da tempo la produzione dell’azienda torinese nel Bel Paese si era drammaticamente ridotta sia per la mancanza di nuovi modelli e nuove idee che per l’assenza di una visione industriale. Poi conclude: ”Realizzare prodotti a basso costo in Italia non ha praticamente futuro. E’ duro, ma e’ vero”.

Chi legge questo blog forse ricorda molto bene quanto sia stata stigmatizzata la sgangherata idea del finanziere Marchionne di lasciar marcire i gioielli del gruppo con i loro modelli ad alto valore aggiunto che avrebbero dovuto essere affinati e incrementati per ridursi a far battaglia sulla Panda e in ultimo dedicarsi all’assemblaggio di pezzi Chrysler. Una tecnica suicida accelerata dall’euro che richiederebbe ben altri prodotti. Ma tutte le speranze e le prospettive sono state bruciate dentro l’avventura americana da una famiglia che già da molti anni aveva perso la voglia di investire e che infatti ha messo a capo della più grande azienda manifatturiera italiana un legale esperto di operazioni di finanziarie il quale ha fatto gli interessi dei titolari non quelli della produzione automobilistica e men che meno quelli dell’Italia. E che ora di fronte al disastro sembra cambiare idea con il polo del lusso, ma probabilmente troppo tardi e comunque anche qui senza idee definite o pessime idee da dilettanti da realizzare senza investimenti. L’unica cosa è che almeno ha finalmente detto con durezza che non ci sarà alcun raddoppio della produzione, che il piano Italia era una fantasia, un inganno. Come tutti avevano capito e hanno fatto finta di non capire, compreso l’ammarchionato a sangue Bonanni.

La fragilità di tutto questo si è evidenziato già il giorno dell’annuncio ufficiale della fuga con un crollo in borsa. Giustificato sia dal non pagamento dei dividendi che dagli utili inferiori alle aspettative degli analisti. Ma soprattutto dall’assoluta inconsistenza e forse inesistenza di un piano industriale che dovrebbe essere stato messo a punto già da molto tempo e che ancora si sta attendendo di rinvio in rinvio: il sogno americano appena comprato a credito scricchiola. In Usa e Canada gli utili si sono ridotti del 9%, mentre in Brasile sono precipitati del 41%. E le giustificazioni dell’azienda- spese per nuovi modelli (che è poi uno solo, niente più di un restyling profondo) oppure la crescita inflazionistica dei costi per il gigante sudamericano ( ma l’inflazione vale anche per i prezzi di vendita)- non reggono nemmeno un attimo, si tratta delle solite risibili panzane con cui Fiat ha sempre narrato se stessa in un Paese e in un sistema mediatico che si è sempre inchinato di fronte alla real casa torinese, consentendole ogni cosa.

Questo è il risultato di piaggerie, corrività, distribuzione di prebende, inesistenza della politica assente o complice. L’Italia non ha più un’azienda automobilistica, ha qualche stabilimento di una ditta olandese il cui nome tra l’altro è ancora tutto da decidere. E la svendita continua, fino ad esaurimento magazzino.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Bella domanda!

    Su Gazzetta matin un articolo sulla Madonna di Polsi (il 2 settembre è stata celebrata la Santa Messa nella Parrocchia di sant’Anselmo). Un riassunto cucito... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Per "ritrovare la via maestra" un corteo sulle note di "bella ciao"

    "ritrovare maestra" corteo sulle note "bella ciao"

    Si è svolto a Roma, oggi pomeriggio, un corteo in difesa della Costituzione Italiana promosso dal segretario della Fiom Cgil, Maurizio Landini insieme a... Leggere il seguito

    Da  Antonella Di Pietro
    SOCIETÀ
  • Ciao, Luigi

    Ciao, Luigi

    ___________________________________________________________________________________ IL NOSTRO AMICO BLOGGER Luigi Zoppoli (Elle Zeta, Gobettiano) ci ha lasciati. Leggere il seguito

    Da  Dragor
    SOCIETÀ
  • Ciao Sandro

    Quando si parla di una persona poco dopo che ci abbia lasciati si rischia sempre di cadere nel retorico e nello scontato ed è una cosa che detesto. Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Addio porcellum…addio porcellini….?

    Evvai la Corte Costituzionale affossa il Porcellum,si quella legge per cui ci sono cani e gatti al governo.Una specie di mestolo che raccoglie non le... Leggere il seguito

    Da  Lucaralla
    SOCIETÀ
  • Ciao Giulio

    Ciao Giulio

    E' quando l'angoscia ti stringe il cuoree i fantasmi dell'ingiustiziati assillano come pipistrelli nel cuore della nottee il respiro sembra spegnersiin un sforz... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Ciao caro - Ciao bella

    Ciao caro bella

    Non lo so, son saluti che mi suonano falsi come un biglietto da quindici euri.Non basterebbe un ciao? Questo caro o questa bella buttati lì così, spesso non son... Leggere il seguito

    Da  Hombre
    SOCIETÀ, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazines